sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpresss.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpresss.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

IN EVIDENZA

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Operazione BIVIO: i carabinieri di Palermo svelano la "Cosa Nostra 2.0"CODACONS porta in procura il caso delle tute del 118 sollevato da SudpressOn Stage torna live oggi alle 18:00Calcio Catania: ennesima "firma" di un preliminare misterioso, dimissioni in CdA ed i "finanziatori" vogliono i soldi indietroSudStyle Talk alle 11 live: "Il limbo dei Teatri: una tragedia che pare non finire più"SudTalk del sabato: si ricomincia con il riepilogo della settimanaPatrimonio Ciancio: la Cassazione ha respinto il ricorso della ProcuraSanremo col pubblico? Dimis: "Non siamo più indignati ma offesi"Il caso di "Mamma Agata" morta per una laparoscopia: l'ex presidente dei medici catanesi Diego Piazza imputato per omicidio colposoOperazione Concordia: sgominato dai Carabinieri il "delivery della droga a domicilio"

Leo Gullotta: auguri di cuore per i suoi magnifici 75 anni

09-01-2021 09:04

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Cultura&Spettacolo, Focus, leo gullotta,

Leo Gullotta: auguri di cuore per i suoi magnifici 75 anni

AUGURI LEO, LO SAI CHE CATANIA TI VUOLE BENE

fotogullottabas-1610179670.jpg

Che dire, quando da Nicola Conticello è arrivata la segnalazione di questo bel traguardo raggiunto dall'amatissimo attore catanese si stentava a crederci: sarà perché i grandi artisti non hanno età né tempo, sono più propriamente la somma delle tante emozioni che riescono a trasmettere.

 

E in realtà, 75, 85, 95...sono niente quando si ha l'animo dell'eterno bambino e gli occhi di Leo Gullotta dicono chiaramente che a quella instancabile curiosità e passione non rinuncerà mai...

 

Nato a Catania il 9 gennaio 1946, fin da piccolo ha sempre recitato, iniziando la carriera già da giovanissimo come comparsa al Teatro Massimo Bellini della sua città.
 

Il grande pubblico della televisione lo ha conosciuto però grazie alla sua partecipazione, 
appena diciottenne, nello sceneggiato Mastro Don Gesualdo, a cui segue Aria del continente.

 

L'esordio cinematografico per Gullotta è datato 1971 con Lo voglio maschio di Ugo 
Saitta.

 

Da allora la sua carriera si è dipanata tra cinema e teatro, dove ha ricoperto brillantemente sia ruoli drammatici che comici. La grande popolarità è arrivata per Gullotta negli anni Ottanta, grazie alla compagnia de Il Bagaglino per la quale ha realizzato innumerevoli parodie tra cui la più celebre: la signora Leonida.
 

Nel corso dei suoi 60 anni di carriera è stato diretto al cinema da importanti registi, tra cui Nanni Loy in Cafè Express (1980), Testa o croce (1982), Mi manda Picone (1983), con cui vince il Nastro d'Argento come migliore attore non protagonista.
 

Nel 1989 ha recitato in Operazione pappagallo di Marco Di Tillo, ed in Scugnizzi e nel 1986 ha vinto il David Di Donatello come miglior attore non protagonista per Il Camorrista di Giuseppe Tornatore, che lo ha diretto anche in Nuovo cinema Paradiso (1989), L'uomo delle stelle (1995), Baarìa (2009). Con i film di Maurizio Zaccaro Il carniere (1997) e Un uomo perbene (1999), ha vinto altri due David come miglior interprete non protagonista. Il quarto David lo ha portato a casa con il drammatico Vajont - La diga del disonore (2001) di Renzo Martinelli. L'attore ha anche prestato la sua voce a diversi attori, tra cui Joe Pesci e recentemente anche Woody Allen.

 

Per quanto riguarda il teatro, gli esordi risalgono agli inizi degli anni sessanta, quando, ancora adolescente, Gullotta legge un pezzo dell'Adelchi di Alessandro Manzoni durante un provino, al Centro Universitario Teatrale (C.U.T.) di Catania. Incomincia così a recitare per lo Stabile di Catania, dove lavora per dieci anni accanto a grandi maestri come Ave Ninchi, Salvo Randone e Turi Ferro.
Sempre per il Teatro Stabile e l'Università di Catania nel 1992 interpreta il ruolo e i personaggi di Luigi Pirandello, con Ottavio Rosati nel ruolo di Jacob Levi Moreno padre dello psicodramma, nel play "Fantasmi" scritto e diretto da Ezio Donato.

Tra i numerosi spettacoli teatrali in cui ha preso parte, ricordiamo: La Rosa di Zolfo, Stichus, Vaudeville, Il signor Popkin, La vedova allegra, Il barbiere di Siviglia, Lapilli, Gadda 70 anni dopo in Abruzzo, Senza perdere la tenerezza, Minnazza - Letture tra i miti e le pagine di Sicilia, L'uomo, la bestia e la virtù, Il piacere dell'onestà, Le allegre comari di Windsor. Nel 2013 interpreta, con grande successo, il ruolo di Bottom nel "Sogno di una notte di mezza estate", regia di Fabio Grossi, prodotto dal Teatro Stabile di Catania. Nella stagione 2013/2014 in scena al Teatro Eliseo con lo spettacolo Prima del Silenzio di Giuseppe Patroni Griffi, con la fedele regia di Fabio Grossi e prodotto dal Teatro Eliseo.

 

Nel 2016 porta in scena Spirito Allegro di Noël Coward e nel 2018 Pensaci, Giacomino! di Luigi Pirandello sempre diretti da Fabio Grossi.

 

Nel marzo 2020 avrebbe dovuto debuttare al Teatro Quirino con lo spettacolo Lo Scrivano di Francesco Niccolini liberamente ispirato al romanzo di Herman Melville regia Emanuele Gamba.

Auguri Leo, lo sai che

Catania ti vuole bene

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder