sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

IN EVIDENZA

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Wow, che forza la donne!Davide Villa: alle 16.30 in Cattedrale i funerali dell'investigatore della PoliziaSudStyle Talk live alle 11: "Perché una piccola Galleria di Palazzolo Acreide diventa un caso?"Nasce Pianeta Spettacolo, magazine e webtv che parla di artisti e maestranzeTerremoto alla Croce Rossa di Palermo: licenziamenti illegittimi, incarichi "familiari" e in arrivo un "nuovo" direttore che forse sarà più vecchio...La settimana di SUD in 30 minuti... e qualche anticipazione!Ma i medici lo sanno cosa succede all'Ordine? Ne parliamo oggi a SUDtalkOrdine Medici Catania: trasparenza zero e chi la chiede viene minacciatoEryka Sicali e la danza del ventre a "Il salotto del Mago"Operazione antimafia "Doppio Gioco" della Guardia di Finanza: 336 indagati

Sanremo col pubblico? Dimis: "Non siamo più indignati ma offesi"

22-01-2021 07:00

Mago Dimis

Cronaca, Cultura&Spettacolo, Focus, sanremo, dimitri tosi, mago dimis, ministro franceschini, dimis,

Sanremo col pubblico? Dimis: "Non siamo più indignati ma offesi"

Un settore, quello dello spettacolo, abbandonato e bistrattato. Ancora una volta.

dimispolemicasanremo-1611263571.png

Un settore, quello dello spettacolo, abbandonato e bistrattato. Ancora una volta. Anche solo pensare un Festival di Sanremo con la platea gremita è un insulto ad un'intera categoria che da quasi un anno non vede luce. L'illusionista catanese Dimis interviene sulla polemica con una lettera indirizzata al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini


Caro Ministro Franceschini,
io e tutta la mia categoria non siamo più arrabbiati con Lei. Non siamo più indignati da scelte scellerate. 
Siamo proprio arrabbiati e offesi
Siamo stanchi delle briciole che cadono dal tavolo: noi non vogliamo aiuti o ristori.
Io e i miei colleghi - gente di spettacolo ma anche maestranze, proprietari di teatri, sale e cinema, circensi, artisti di strada e giostrai - vogliamo tornare a lavorare, per e con il nostro pubblico!


Chi non è del settore non può capire. Chi non vive di sorrisi, di applausi, non può aver idea di cosa significhi un anno senza di essi.

Noi viviamo di pane e calore: pane del nostro onesto lavoro e calore del nostro amato pubblico!

Cultura e spettacolo vanno a braccetto nelle nostre esibizioni e non c'è Netflix della cultura che tenga, se poi, arrivano programmi tv in diretta con il pubblico!

Se poi arriva Sanremo al Teatro Ariston con la platea piena e noi (artisti, maestranze, proprietari di teatri e cinema) a casa. 
Lo so Sanremo è Sanremo, e noi non siamo nessuno... Forse. 
Sanremo è Sanremo, perché in fondo lo paghiamo noi, ciascuno di noi, con il canone in bolletta. Paghiamo i cachet milionari (fanno bene a chiederli gli artisti, fesso è chi li paga) e tutto il resto fermo.

Non ho nulla contro il Festival, c'è l'ho con Lei e con questa politica sorda! Non dobbiamo lavorare per la nostra sicurezza e per quella del nostro amato pubblico? Ok, stiamo fermi, facciamo il possibile. Ma non ci sono figli e figliastri! Faranno il tampone all'ingresso? Permettiamolo a tutti i teatri e cinema. 


Siamo chiusi da quasi un anno ormai, nonostante ci fossimo adeguati a tutta la normativa.

È cambiato qualcosa rispetto alla curva dei contagi?

Sì, la curva è salita ugualmente.

E allora non possiamo essere noi il problema e il capro espiatorio.

 

Rispettando il distanziamento, la mascherina e tutte le altre norme anti-contagio ci permetta, caro Ministro, di ripartire. 
Siamo stanchi di essere presi in giro! 
Siamo artisti, persone di spettacolo e di cultura, non siamo fessi. Siamo stati solo buoni e abbiamo capito la situazione.

 

Ma non offendete la nostra intelligenza e soprattutto non prendeteci più per il culo! 

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder