sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

IN EVIDENZA


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Presentato all'Ardizzone Gioeni di Catania il progetto della Regione "La Sicilia non Tratta"UNICT, opportuno non generalizzare: "C'È CHI NON CI STA". E con nome e cognome!UNICT, hanno fatto anche questa: l'imputata Marina Paino "confermata in segreto" Direttore di Scienze UmanisticheSudStyle Talk alle 11 in diretta: "Con un Iphone si può raccontare la Storia o scattare una Poesia?""Non è mai indolore cambiare un ceto politico inadeguato"Museo Diocesano di Catania, venerdì e sabato 31 relatori e 4 moderatori su "Arte e Gender"UNICT, "Università Bandita 2": rinviati a giudizio Enzo Bianco, Orazio Licandro, Maria Antonietta Paino e altri 42 baroni, baronetti e baronucciAll'Ardizzone Gioeni la mostra di fotografi down "Innocenti scatti di emozioni"UNICT: ma la pagano la TARI su Torre Biologica?Elezioni, Centrodestra in affanno: Musumeci perde anche Caltagirone, avanti gli autonomisti, PD-5Stelle ci credono

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Sanremo col pubblico? Dimis: "Non siamo più indignati ma offesi"

22-01-2021 06:00

Mago Dimis

Cronaca, Cultura&Spettacolo, Focus, sanremo, dimitri tosi, mago dimis, ministro franceschini, dimis,

Sanremo col pubblico? Dimis: "Non siamo più indignati ma offesi"

Un settore, quello dello spettacolo, abbandonato e bistrattato. Ancora una volta.

dimispolemicasanremo-1611263571.png

Un settore, quello dello spettacolo, abbandonato e bistrattato. Ancora una volta. Anche solo pensare un Festival di Sanremo con la platea gremita è un insulto ad un'intera categoria che da quasi un anno non vede luce. L'illusionista catanese Dimis interviene sulla polemica con una lettera indirizzata al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini


Caro Ministro Franceschini,
io e tutta la mia categoria non siamo più arrabbiati con Lei. Non siamo più indignati da scelte scellerate. 
Siamo proprio arrabbiati e offesi
Siamo stanchi delle briciole che cadono dal tavolo: noi non vogliamo aiuti o ristori.
Io e i miei colleghi - gente di spettacolo ma anche maestranze, proprietari di teatri, sale e cinema, circensi, artisti di strada e giostrai - vogliamo tornare a lavorare, per e con il nostro pubblico!


Chi non è del settore non può capire. Chi non vive di sorrisi, di applausi, non può aver idea di cosa significhi un anno senza di essi.

Noi viviamo di pane e calore: pane del nostro onesto lavoro e calore del nostro amato pubblico!

Cultura e spettacolo vanno a braccetto nelle nostre esibizioni e non c'è Netflix della cultura che tenga, se poi, arrivano programmi tv in diretta con il pubblico!

Se poi arriva Sanremo al Teatro Ariston con la platea piena e noi (artisti, maestranze, proprietari di teatri e cinema) a casa. 
Lo so Sanremo è Sanremo, e noi non siamo nessuno... Forse. 
Sanremo è Sanremo, perché in fondo lo paghiamo noi, ciascuno di noi, con il canone in bolletta. Paghiamo i cachet milionari (fanno bene a chiederli gli artisti, fesso è chi li paga) e tutto il resto fermo.

Non ho nulla contro il Festival, c'è l'ho con Lei e con questa politica sorda! Non dobbiamo lavorare per la nostra sicurezza e per quella del nostro amato pubblico? Ok, stiamo fermi, facciamo il possibile. Ma non ci sono figli e figliastri! Faranno il tampone all'ingresso? Permettiamolo a tutti i teatri e cinema. 


Siamo chiusi da quasi un anno ormai, nonostante ci fossimo adeguati a tutta la normativa.

È cambiato qualcosa rispetto alla curva dei contagi?

Sì, la curva è salita ugualmente.

E allora non possiamo essere noi il problema e il capro espiatorio.

 

Rispettando il distanziamento, la mascherina e tutte le altre norme anti-contagio ci permetta, caro Ministro, di ripartire. 
Siamo stanchi di essere presi in giro! 
Siamo artisti, persone di spettacolo e di cultura, non siamo fessi. Siamo stati solo buoni e abbiamo capito la situazione.

 

Ma non offendete la nostra intelligenza e soprattutto non prendeteci più per il culo! 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder