sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

IN EVIDENZA

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

UNICT: "la scienza giuridica è stata piegata per fini non proprio nobili""Siamo tutti Briganti", ma la solidarietà non basta più: questa storia è una vergogna per l'amministrazione comunale e la prefettura di Catania!!!SudStyle Talk alle 11 live: "Torniamo finalmente a Teatro! E riparte lo Stabile di Catania"UNICT ed elezioni: clamorosa decisione illegale del Delegato alla LegalitàOperazione "Black Out" della Polizia Postale di Catania contro lo streaming illegalePoliclinico di Catania noleggia gazebo in plastica a...1.789 euro al mese40 anni fa l'attentato al Papa che cambiò la storiaI dipendenti della Pubbliservizi organizzano un sit-in davanti gli uffici della Provincia: "Il sindaco Pogliese dia risposte subito"Appalto rifiuti a Catania: peggio di un flop per l'amministrazione. Intervista al segretario Fiadel Carmelo CondorelliAlle 12 diretta della conferenza stampa SIGI-Calcio Catania

I DIRITTI DEI BAMBINI, DAL PASSATO FINO AI NOSTRI GIORNI

04-05-2021 12:01

Giornalisti del Futuro

Il Mediterraneo in miniatura,

I DIRITTI DEI BAMBINI, DAL PASSATO FINO AI NOSTRI GIORNI

Il tema dello sfruttamento minorile, trattato in passato e oggi da molti autori letterari, è un fenomeno che esiste ancora in molte parti del mondo

immagineevidenzasito7-1620122466.png

Il tema dello sfruttamento minorile è stato trattato dal passato fino ad oggi da molti autori letterari, ma purtroppo è un fenomeno che ancora coesiste in numerosi paesi ancora retrogradi.


Nel corso della storia lo sfruttamento minorile è stato oggetto di molti artisti, manifestazioni e di proteste ma purtroppo , ancora oggi ,questo tema è presente nelle nostre vite .
La situazione è migliorata con la creazione di associazioni come l'Unicef, ma questo fenomeno non è scomparso soprattutto in paesi come : Asia , Nord e Sud Africa ed America .
Qui i bambini vengono sfruttati per lavorare nelle miniere, nelle fabbriche e per organizzazioni criminali.
Nella Repubblica del Congo e nel Madagascar , i bambini lavorano nelle miniere di cobalto e di mica per 12 ore al giorno, senza protezione, si ammalano e rischiano incidenti sul lavoro.

In Asia, le ragazze siriane in fuga dalla guerra in Siria, lavorano in condizioni estreme nelle fabbriche tessili , come 
H&M, Inditex e White stuff.

Ma il lato più oscuro dello sfruttamento minorile , è l’impiego di minori in organizzazioni criminali . 
I paesi in guerra dell'Africa , utilizzano i bambini per il trasporto di armi.
In tutto il mondo , essi vengono  coinvolti in “giri “ non illeciti come il traffico di droga e di sostanze illegali.

Furono importanti i contributi letterari di numerosi poeti e scrittori, da Charles Dickens a Giovanni Verga, che esplorarono questo tema in modo approfondito e denunciarono, seppur in modi diversi, questa terribile piaga. 
Per quanto riguarda Dickens, il suo capolavoro, che risale al 1837, è “Oliver Twist”, un’opera in cui parla della storia di un bambino, orfano di entrambi i genitori, che viene mandato in una “workhouse”. 
Le workhouses erano delle istituzioni, nate nell’età vittoriana, pensate per ospitare la popolazione più povera, e dare loro vitto e alloggio. 
Tuttavia, l’età vittoriana era un periodo complesso, non esente da ipocrisia: le classi dirigenti si arricchirono sempre di più e nessuno si focalizzava mai sul sempre più alto numero di poveri che vivevano in condizioni igieniche disastrose o sugli orfani che non avevano un luogo dove vivere, spesso attribuendo la colpa alla loro “mancanza di serietà”, senza rendersi conto degli enormi sprechi che la società borghese effettuava (essa, in modo ipocrita, si appella alla “respectability”).

Anche Giovanni Verga, in “Rosso Malpelo”, tratta il tema, esplorando la vita di Malpelo, un giovane che lavora in una miniera insieme al padre. 
Emarginato dalla società e chiamato “Malpelo” per via del colore rosso rena dei capelli, (associato alla sventura) il ragazzo finisce per rimanere senza il padre a seguito di un incidente in miniera e da allora seguiranno per lui una serie di sventure. 
Dopo aver letto l’inchiesta sulla Sicilia ad opera di Leopoldo Franchetti e Sidney Sonnino del 1876 “Il lavoro dei fanciulli nelle zolfare siciliane”, Verga, che era ormai in procinto di dare vita al movimento letterario verista, si ispira agli eventi raccontati per poter raccontare la storia di Malpelo. 
Storie, quelle di Dickens e Verga, che non si discostano poi tanto da quelle che sentiamo anche oggigiorno, soprattutto nei paesi ancora retrogradi o in quelli costantemente in guerra.
 

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder