sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

IN EVIDENZA


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

UNICT, hanno fatto anche questa: l'imputata Marina Paino "confermata in segreto" Direttore di Scienze UmanisticheSudStyle Talk alle 11 in diretta: "Con un Iphone si può raccontare la Storia o scattare una Poesia?""Non è mai indolore cambiare un ceto politico inadeguato"Museo Diocesano di Catania, venerdì e sabato 31 relatori e 4 moderatori su "Arte e Gender"UNICT, "Università Bandita 2": rinviati a giudizio Enzo Bianco, Orazio Licandro, Maria Antonietta Paino e altri 42 baroni, baronetti e baronucciAll'Ardizzone Gioeni la mostra di fotografi down "Innocenti scatti di emozioni"UNICT: ma la pagano la TARI su Torre Biologica?Elezioni, Centrodestra in affanno: Musumeci perde anche Caltagirone, avanti gli autonomisti, PD-5Stelle ci credonoIl Teatro Stabile presenta il suo bilancio: una buona praticaSudStyle Talk in diretta alle 11 di Teatro si parla con un Gigante: Eugenio Barba

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Dissesto comune Catania: Procura Corte dei Conti insiste per interdire Enzo Bianco & C.

21-07-2021 06:56

redazione

Cronaca, Focus, Comune di Catania,

Dissesto comune Catania: Procura Corte dei Conti insiste per interdire Enzo Bianco & C.

11 novembre udienza innanzi alla Corte dei Conti.16 settembre il processo penale.

schermata2021-07-21alle06-16-46-1626841203.png

Lo scorso aprile si è data notizia della decisione della Corte dei Conti che confermava le responsabilità dell'amministrazione di Enzo Bianco nel dissesto del comune di Catania, riducendo al contempo le sanzioni richieste dalla Procura, in particolare escludendo la propria competenza a comminare quella più pesante: l'interdizione decennale dai pubblici uffici che avrebbe comportato di fatto la fine della carriera politica di Bianco & C.

 

 

L'articolo di aprile, oltre ad allegare la sentenza per maggior contezza dei lettori, si concludeva con l'attesa circa la reazione della Procura, che adesso è arrivata:

"Il collegio giudicante ha applicato erroneamente la previsione delle misure interdittive per una presunta incompetenza del collegio adito con rito sanzionatorio" .

 

È questa infatti la valutazione della Procura regionale della corte dei conti della Sicilia che, col procuratore Gianluca Albo e il sostituto procuratore generale Marcella Tomasi, ha presentato ricorso contro la sentenza dello scorso 22 aprile con cui i giudici della Sezione Giurisdizionale per la Sicilia, in parziale riforma del decreto 16/2020, hanno dichiarato la sospensione dell'applicazione delle misure interdittive e ridimensionato la condanna alla sanzione pecuniaria nei confronti dell'ex sindaco di Catania Enzo Bianco, nove assessori della sua giunta e cinque componenti del collegio dei revisori dei conti, per "avere contributo al verificarsi del dissesto finanziario del Comune di Catania, nel periodo compreso tra il 2013 e il 2018".

 

L' udienza si terrà il prossimo 11 novembre.

 

La Procura Generale ritiene "immotivata", a norma di legge, la decisione del collegio giudicante di scorporare la sanzione pecuniaria da quella interdittiva, riportando la decisione alla domanda di inammissibilità proposta dagli amministratori e da uno solo dei revisori dei conti."

 

L'accusa contesta anche il ridimensionamento delle sanzioni pecuniarie, ridotto a cinque volte la retribuzione mensile, a fronte dei dieci mesi originariamente stabiliti dal giudice monocratico del rito sanzionatorio, unitamente alla misura interdittiva di esclusione per dieci anni da ruoli elettivi o amministrativi di pubbliche funzioni.

 

Misure e sanzioni integralmente riproposte dalla Pubblica Accusa nei confronti dell'ex sindaco Bianco con gli ex assessori Saro D'Agata, Luigi Bosco, Giuseppe Girlando, Orazio Licandro, Salvo Di Salvo, Marco Consoli Magnano di San Lio, Angelo Villari, Valentina Scialfa Chinnici e i revisori contabili Strano, Cittadino, Sciuto, Battaglia e Lo Certo.

 

Nel frattempo il prossimo 16 settembre, l'ex sindaco Bianco, la sua giunta in carica tra il 2013 e il 2018 con l'allora collegio dei revisori di conti dovranno comparire nell'ambito del procedimento penale per il buco di bilancio del Comune del capoluogo etneo, che è in dissesto finanziario davanti alla prima sezione del Tribunale monocratico per la prima udienza del processo in cui si sono costituiti come parti civili il Comune di Catania, la Cgil e l'Ugl.

 

In questo caso l'inchiesta è basata su indagini del nucleo di polizia economica finanziaria della guardia di finanza di Catania, coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro, dall'aggiunto Agata Santonocito e dai sostituti Fabio Regolo e Fabio Saponara.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder