sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

IN EVIDENZA


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Presentato all'Ardizzone Gioeni di Catania il progetto della Regione "La Sicilia non Tratta"UNICT, opportuno non generalizzare: "C'È CHI NON CI STA". E con nome e cognome!UNICT, hanno fatto anche questa: l'imputata Marina Paino "confermata in segreto" Direttore di Scienze UmanisticheSudStyle Talk alle 11 in diretta: "Con un Iphone si può raccontare la Storia o scattare una Poesia?""Non è mai indolore cambiare un ceto politico inadeguato"Museo Diocesano di Catania, venerdì e sabato 31 relatori e 4 moderatori su "Arte e Gender"UNICT, "Università Bandita 2": rinviati a giudizio Enzo Bianco, Orazio Licandro, Maria Antonietta Paino e altri 42 baroni, baronetti e baronucciAll'Ardizzone Gioeni la mostra di fotografi down "Innocenti scatti di emozioni"UNICT: ma la pagano la TARI su Torre Biologica?Elezioni, Centrodestra in affanno: Musumeci perde anche Caltagirone, avanti gli autonomisti, PD-5Stelle ci credono

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Da oggi la Sicilia è gialla. Di Vergogna

30-08-2021 07:40

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

Da oggi la Sicilia è gialla. Di Vergogna

E nessuno si dimette. E nessuno viene sostituito.

sicilia-zona-gialla-1280x720-1-1630301325.jpg

E nessuno si dimette.

E nessuno viene sostituito.

Mentre si continuanuano a spendere e spandere milioni di euro, la situazione in Sicilia diventa sempre più complessa.

 

Quasi due anni di una gestione totalmente inadeguata, con gente senza né arte né parte messa a gestire un'emergenza che richiedeva, e richiede ancor di più oggi, competenze vere e sperimentate e non certo curriculum falsi costruiti per l'occasione.

 

Il risultato è che siamo la regione peggiore d'Europa e si corre il serio rischio di precipitare in nuove e insopportabili restrizioni che darebbero il colpo di grazia ad un'economia già al lumicino, mentre imbecilli patentati continuano indefessi a passare il tempo a farsi fotografie lanciando comunicati talmente ebeti e surreali da lasciare sconcertati

 

L'ultimo bollettino fotografa una situazione drammatica: sono 1.369 i contagi registrati ieri, ancora una volta il numero più alto tra le regioni italiane.

 

Registrati 10 morti: 1 il 28 agosto, 8 il 27 agosto e 1 il 26 agosto.

 

In terapia intensiva sono in cura 108 persone (4 in più rispetto a ieri). I pazienti in area non critica sono 914 (+21). Il dato dei guariti è pari a 864 persone. I tamponi molecolari processati sono stati 7092. I tamponi rapidi sono stati 6414. 

Da oggi quindi in Sicilia obbligo di indossare le mascherine all'aperto.

 

Non c'è invece coprifuoco.

 

Si può entrare e uscire dalla regione in zona gialla ed è possibile raggiungere le seconde case fuori regione a prescindere dal colore della zona di partenza e di arrivo.

 

Rispetto alla zona bianca, nessuna modifica alle funzioni del Green pass: il certificato verde - per vaccinati, guariti o soggetti negativi a tamponi - consentirà ad esempio l'accesso a ristoranti e bar al chiuso, dove torna il limite di 4 persone al tavolo, a meno che non si tratti di conviventi.

 

All'aperto, il servizio può essere offerto a tutti.

 

Il green pass è indispensabile per l'accesso ad una serie di attività e servizi (piscine, palestre, centri termali, cinema, teatri, parchi a tema, congressi e fiere). La Sicilia sarà in zona gialla il primo settembre, quando il green pass diventa obbligatorio per usufruire dei trasporti a lunga percorrenza (treni, aerei e navi).

 

Negli impianti sportivi di una regione in zona gialla "la capienza consentita non può essere superiore al 25% di quella massima autorizzata e, comunque, il numero massimo di spettatori non può essere superiore a 2.500 per gli impianti all'aperto e a 1.000 per gli impianti al chiuso.

 

Bravi: complimenti!

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder