sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

IN EVIDENZA


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Presentato all'Ardizzone Gioeni di Catania il progetto della Regione "La Sicilia non Tratta"UNICT, opportuno non generalizzare: "C'È CHI NON CI STA". E con nome e cognome!UNICT, hanno fatto anche questa: l'imputata Marina Paino "confermata in segreto" Direttore di Scienze UmanisticheSudStyle Talk alle 11 in diretta: "Con un Iphone si può raccontare la Storia o scattare una Poesia?""Non è mai indolore cambiare un ceto politico inadeguato"Museo Diocesano di Catania, venerdì e sabato 31 relatori e 4 moderatori su "Arte e Gender"UNICT, "Università Bandita 2": rinviati a giudizio Enzo Bianco, Orazio Licandro, Maria Antonietta Paino e altri 42 baroni, baronetti e baronucciAll'Ardizzone Gioeni la mostra di fotografi down "Innocenti scatti di emozioni"UNICT: ma la pagano la TARI su Torre Biologica?Elezioni, Centrodestra in affanno: Musumeci perde anche Caltagirone, avanti gli autonomisti, PD-5Stelle ci credono

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

UNICT É BANDITA: condannato ex pro rettore Magnano San Lio, rinviati a giudizio altri 9 baroni

23-09-2021 06:53

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Università, Focus,

UNICT É BANDITA: condannato ex pro rettore Magnano San Lio, rinviati a giudizio altri 9 baroni

È arrivata la prima bomba sulla reputazione già troppo compromessa di un ateneo che non ha avuto neanche la creanza di costituirsi nel giudizio

È arrivata la prima bomba

sulla reputazione già troppo compromessa

di un ateneo

che non ha avuto neanche la creanza di costituirsi nel giudizio!

Ne abbiamo scritto a fiumi: subendo anche ritorsioni trasversali di stampo mafioso che fanno rivoltare lo stomaco solo a pensarci e nonostante le quali abbiamo continuato sempre a scriverne, raccontando quanto accadeva all'interno di uno dei più antichi atenei del mondo che ormai il proprio prestigio lo aveva sotterrato sotto tonnellate di fango.

 

Che a quanto pare adesso cominciano ad essere qualificate anche come reati. Penali.

 

E la cosa singolare è che un importante tassello del complicato puzzle viene fissato nei giorni in cui arriva in libreria un libro che questa ed altre storie racconta con dovizia di particolari: "MALA UNIVERSITÁ" di Giambattista Scirè, il ricercatore di Storia ormai tra le vittime più note del sistema malato dell'Università di Catania e che ha fondato l'associazione nazionale "Trasparenza e Merito", che è stata accolta tra le parti civili del processo catanese e conduce una battaglia senza quartiere contro le malefatte baronali in tutti gli atenei italiani.

 

Ne parleremo tra qualche giorno, intanto sua copertina con la pagina del libro dedicata proprio a Sudpress:

malauniversita-piatto-1632371818.jpg
sciremalauniversita-1632371840.jpg

Ma basta scorrere gli articoli della categoria che abbiamo dedicato all'Università di Catania per rendersi conto come gli esiti giudiziari di tutto quello che si è raccontato non potranno mai risarcire la Comunità dei danni arrecati ad intere generazioni ed alle potenzialità di sviluppo di Catania: questa resterà la colpa più grave.

Ma vediamo cosa è successo ieri.

 

Come noto, nel 2018 esplose come una bomba atomica la notizia della monumentale inchiesta denominata "Università Bandita" della DIGOS di Catania in esito alla quale la procura di Catania smantellò letteralmente i vertici dell'Università di Catania con interdizioni che colpirono due rettori, diversi direttori di dipartimento e svariati docenti.

 

Due i procedimenti aperti, il primo è arrivato ad una sentenza di condanna ed al rinvio a giudizio di altri 9 "baroni".

 

Il Gup di Catania, Marina Rizza ha infatti rinviato a giudizio nove docenti imputati cui vengono contestati a vario titolo i reati di abuso d'ufficio, falso e corruzione per atti contrari ai propri doveri.

 

Il Giudice per l'udienza preliminare ha disposto il non luogo a procedere per il reato di associazione per delinquere e derubricato in abuso d'ufficio la turbata libertà di scelta del contraente, su questi ultimi due aspetti la Procura ha annunciato di stare valutando di ricorrere, anche se sostanzialmente si è vista confermare l'intero impianto accusatorio.

 

La prima udienza del processo si terrà il prossimo 10 maggio davanti la Terza sezione penale del Tribunale.

 

In aula, come imputati, saranno chiamati due ex rettori, i professori Francesco Basile e Giacomo Pignataro, e sette professori: Giuseppe Barone, Michele Maria Bernadetta Cavallaro, Filippo Drago, Giovanni Gallo, Carmelo Giovanni Monaco, Roberto Pennisi e Giuseppe Sessa.

 

In questo procedimento un solo imputato ha chiesto il rito abbreviato che consente una riduzione della pena, l'ex pro rettore Giancarlo Magnano di San Lio che Il Gup Rizza ha condannato a un anno e due mesi, pesa sospesa, per abuso d'ufficio.

 

Al centro dell'inchiesta della Procura di Catania "la nomina come docenti, ricercatori, dottorandi e personale amministrativo di soggetti preventivamente individuati dagli stessi associati".

 

Nel secondo troncone della stessa inchiesta 'Università bandita' la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio di altre 45 persone, la cui posizione era stata stralciata dal fascicolo principale.

 

Su questo è attesa la decisione del Gup Simona Ragazzi. 

Quindi la delicata indagine ha avuto un primo suggello da parte di un "Giudice Terzo", ma resta il fatto che in una società civile non dovrebbero essere necessarie le condanne per far scattare gli anticorpi quando una istituzione si rivela irrimediabilmente malata: e la lettura degli atti dell'inchiesta e le decine intercettazioni contenute non lasciano dubbi.

 

Poi, la giustizia penale ha le sue dinamiche, i suoi tempi, le sue complicanze che devono seguire il proprio corso: la Comunità deve reagire a prescindere quando i fatti sono così eclatanti ed inconfutabili.

INTANTO RESTA LO SCANDALO TRA GLI SCANDALI: L'ATENEO DI CATANIA NON SI É COSTITUITO

PARTE CIVILE NEL PROCEDIMENTO...

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder