sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

IN EVIDENZA


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Presentato all'Ardizzone Gioeni di Catania il progetto della Regione "La Sicilia non Tratta"UNICT, opportuno non generalizzare: "C'È CHI NON CI STA". E con nome e cognome!UNICT, hanno fatto anche questa: l'imputata Marina Paino "confermata in segreto" Direttore di Scienze UmanisticheSudStyle Talk alle 11 in diretta: "Con un Iphone si può raccontare la Storia o scattare una Poesia?""Non è mai indolore cambiare un ceto politico inadeguato"Museo Diocesano di Catania, venerdì e sabato 31 relatori e 4 moderatori su "Arte e Gender"UNICT, "Università Bandita 2": rinviati a giudizio Enzo Bianco, Orazio Licandro, Maria Antonietta Paino e altri 42 baroni, baronetti e baronucciAll'Ardizzone Gioeni la mostra di fotografi down "Innocenti scatti di emozioni"UNICT: ma la pagano la TARI su Torre Biologica?Elezioni, Centrodestra in affanno: Musumeci perde anche Caltagirone, avanti gli autonomisti, PD-5Stelle ci credono

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

CLAMOROSO, INCREDIBILE: PIETRO AGEN ELETTO NEL COMITATO NAZIONALE DI UNIONCAMERE

24-09-2021 07:56

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, SAC&CamCom, Focus,

CLAMOROSO, INCREDIBILE: PIETRO AGEN ELETTO NEL COMITATO NAZIONALE DI UNIONCAMERE

Per legge non poteva fare neanche il presidente della Camera di Commercio perché massone e dovrebbe essere commissariato da oltre un mese

apagcamcom-1632462825.png

Ormai quello cbe sta accadendo in questo paese è davvero oltre ogni immaginazione.

 

L'ultima è la nomina di Pietro Agen nel comitato esecutivo di Unioncamere, il potente ente pubblico che riunisce le camere di commercio di tutta Italia.

 

E perché è clamoroso e incredibile che possa accadere una cosa simile?

Vediamo.

 

Pietro Agen è attualmente presidente del "Sistema ConfCommercio" Catania di cui ci siamo più volte occupati.

 

In virtù del controllo di questo "sistema" è riuscito ad ottenere la presidenza della Camera di Commercio del Sud Est, il super ente pubblico che riunisce quelle di Catania, Ragusa e Siracusa.

schermata2021-09-24alle07-10-09-1632460246.png

Qua il primo problema. 

 

Non poteva essere eletto ai vertici di una camera di commercio perchè essendo dichiaratamente massone, per quanto collocato "in sonno" (cioè quelli che ne fanno parte a convenienza), è esplicitamente vietato da una legge tuttora vigente nell'ordinamento italiano, la 580/1993, art. 13 c.2:  "NON POSSONO FAR PARTE DEL CONSIGLIO CAMERALE COLORO CHE SIANO ISCRITTI AD ASSOCIAZIONI OPERANTI IN MODO OCCULTO O CLANDESTINO E PER LA CUI ADESIONE SIANO RICHIESTI UN GIURAMENTO O UNA PROMESSA SOLENNE."

vasco2008-1632460746.jpg

Ovviamente del Presidente della Regione Nello Musumeci, chiamato in causa come si legge sopra sia dalla prefettura che dal governo centrale come autorità che avrebbe dovuto intervenire per ripristinare la legalità nessuna notizia.

E non sarà certo perché il figlio di Agen risulta essere stato candidato a suo sostegno nientemeno che alle provinciali del 2008... 

Non sarà per questo, anche perché come vedremo sotto, saltano di palo in frasca, magari a seconda dell'andamento dei sondaggi...

Di quello che hanno combinato figlio e padre alla Camera di Commercio del Sud Est con la vicenda dei contributi pubblici elargiti all'associazione di famiglia ne abbiamo scritto, anche qui, a fiumi e con dovizia di documentazione...

Roba davvero esagerata, che doveva più che bastare ed invece riescono a sommarla ad altre non meno incredibili.

schermata2021-09-24alle07-37-14-1632461863.png

Ora, a luglio il parlamento nazionale ha letteralmente cancellato la super camera di commercio, disponendone il commissariamento entro 30 giorni dall'entrata in vigore della legge: i decreti di nomina dei commissari pare si siano persi tra le tante carte del povero ministro leghista Giorgetti.

Naturalmente questo illegittimo ritardo non sarà di certo determinato dal fatto che, ma guarda un pò, che tra i dirigenti locali della Lega sia stato inserito nientemeno che il sempre presente figlio dello stesso Agen, il solito Vasco.

 

Si legge infatti in una nota dello scorso aprile: "Prende avvio in Sicilia, fortemente voluto dal Segretario regionale della Lega Nino Minardo, ed affidato all’Europarlamentare Francesca Donato... il progetto dei presìdi diritti e libertà, con l’obiettivo di dare voce ai territori ed alle voci storiche del partito nato come evoluzione del progetto Noi con Salvini. “L’idea e l’intenzione - spiega l’On. Minardo – è fare in modo che la crescita del partito non tradisca lo spirito originario e la spinta dei tanti che sin da principio hanno sostenuto il progetto di Matteo Salvini. La nostra idea di partito è quella di un movimento moderato che possa accogliere quanti hanno veramente a cuore gli interessi della Sicilia. I presìdi sono una voce importante perché garantiscono una presenza ramificata sui territori e saranno un’occasione importante di ascolto delle esigenze reali del popolo siciliano”. “Non posso rimanere sorda alle tante richieste di aiuto, sostegno, informazione che ricevo ogni giorno - aggiunge l’On. Francesca Donato. “Ho pertanto ritenuto di accogliere la fiducia che il segretario ha voluto dimostrarmi nell’affidarmi la responsabilità per le politiche economiche ed i fondi europei, come base per sviluppare con lui questo importante progetto che darà voce ai sostenitori storici di Salvini ma soprattutto che potrà intercettare le reali istanze dei territori e metterle al centro dell’agenda politica regionale. Il progetto parte da Catania: insieme a Nino Minardo abbiamo individuato nel Dott. Vasco Agen il primo Dirigente del presidio provinciale di Catania. "

Ah perfetto: il Dott. Vasco Agen è il primo Dirigente del "presidio Diritti e Libertà" della Lega di Salvini & C. in Sicilia, scelto dall'europarlamentare Francesca Donato che però nel frattempo dalla Lega se n'è andata e non è chiaro se si è portata, e dove, il Primo Dirigente del presidio Diritti e Libertà, della cui attività tuttavia non si ha notizia, a parte la medaglia di appartenenza.

Quindi: il signor Pietro Agen non poteva per legge fare il presidente della Camera di Commercio, ha combinato e combina quello che in parte leggiamo sopra, doveva essere commissariato almeno da un mese e invece viene nominanto nientemeno che nel Comitato Esecutivo di Unioncamere nazionale.

ANDRÁ TUTTO BENE IN ITALIA

ANCORA MEGLIO IN SICILIA

A CATANIA UNA FAVOLA

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder