sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

IN EVIDENZA


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Presentato all'Ardizzone Gioeni di Catania il progetto della Regione "La Sicilia non Tratta"UNICT, opportuno non generalizzare: "C'È CHI NON CI STA". E con nome e cognome!UNICT, hanno fatto anche questa: l'imputata Marina Paino "confermata in segreto" Direttore di Scienze UmanisticheSudStyle Talk alle 11 in diretta: "Con un Iphone si può raccontare la Storia o scattare una Poesia?""Non è mai indolore cambiare un ceto politico inadeguato"Museo Diocesano di Catania, venerdì e sabato 31 relatori e 4 moderatori su "Arte e Gender"UNICT, "Università Bandita 2": rinviati a giudizio Enzo Bianco, Orazio Licandro, Maria Antonietta Paino e altri 42 baroni, baronetti e baronucciAll'Ardizzone Gioeni la mostra di fotografi down "Innocenti scatti di emozioni"UNICT: ma la pagano la TARI su Torre Biologica?Elezioni, Centrodestra in affanno: Musumeci perde anche Caltagirone, avanti gli autonomisti, PD-5Stelle ci credono

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

UNICT, "Università Bandita 2": rinviati a giudizio Enzo Bianco, Orazio Licandro, Maria Antonietta Paino e alt

14-10-2021 06:25

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Università, Focus,

UNICT, "Università Bandita 2": rinviati a giudizio Enzo Bianco, Orazio Licandro, Maria Antonietta Paino e altri 42 baroni, baronetti e baronucci

Confermate tutte le imputazioni

unict2-1634184178.png

Settimane pesantissime per l'Uiversità di Catania ed il sistema di potere che gli ruota attorno da troppo tempo e con danni incalcolabili per la città.

Nell'arco di meno di un mese sono arrivati due micidiali decisioni da parte di due giudici diversi che hanno messo il suggello di attendibilità alla monumentale inchiesta condotta dalla Digos di Catania e portata in aula in due diversi tronconi dal pool della Procura allora coordinato dal Procuratore Aggiunto Sebastiano Ardita e costituito dai Sostituti Procuratori Marco Bisogni, Santo Distefano e Raffaella Vinciguerra. 

schermata2021-10-14alle06-03-33-1634184726.png

Il primo giudizio è arrivato il 22 settembre con la decisione del GUP Marina Rizza di mandare a processo 9 baroni universitari con ipotesi di reato pesantissime: corruzione, falso e abuso d'ufficio.  

 

Caduta la contestazione di associazione per delinquere, ma di certo a leggere gli atti emerge una graziosa combriccola.

 

Il processo inizierà il prossimo 10 maggio mentre risulta già condannato l'ex prorettore Giancarlo Magnano San Lio ad un anno e due mesi.

Proprio ieri è arrivata la decisione sul secondo troncone della stessa inchiesta.

Stavolta non risultano coinvolti solo docenti universitari ma spicca l'ex sindaco di Catania ex Bianco con l'ex assessore Orazio Licandro.

 

L'accusa si riferisce all'articolo 353 bis del codice penale, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, e rischiano 5 anni di carcere.

 

Il GUP Simona Ragazzi ne ha mandati a processo 45: 

Salvatore Cesare Amato,

Pietro Baglioni,

Laura Ballerini,

Antonio Barone,

Giovanni Barreca,

Enzo Bianco,

Antonio Biondi,

Paolo Cavallari,

Giovanni Cigliano,

Umberto Cillo,

Agostino Cortesi,

Vera Maria Lucia D’Agata,

Enzo D’Agata,

Stefano De Franciscis,

Francesco Di Raimondo,

Marcello Angelo Alfredo Donati,

Alessia Facineroso,

Santi Fedele,

Anna Garozzo,

Sebastiano Angelo

Alessandro Granata,

Calogero Salvatore Guccio,

Alfredo Guglielmi,

Giampiero Leanza,

Massimo Libra,

Orazio Antonio Licandro,

Luigi Mancini,

Massimo Mattei,

Paolo Mazzoleni,

Maura Monduzzi,

Marco Montorsi,

Matteo Giovanni Negro,

Ferdinando Nicoletti,

Maria Caterina Paino,

Giuseppe Maria Pappalardo,

Pietro Pavone,

Vincenzo Perciavalle,

Giovanni Puglisi,

Stefano Giovanni Puleo,

Maria Alessandra Ragusa,

Romilda Rizzo,

Salvatore Saccone,

Giovanna Schillaci,

Luca Vanella,

Giuseppe Vecchio,

Giuseppina Lavecchia. 

Anche in questo caso può essere utile a futura memoria e per gli appassionati, che sono tanti, ripercorrere i fatti salienti con una carrellata di articoli di Sudpress che hanno spesso anticipato l'avvio delle indagini giudiziarie.

schermata2021-10-14alle05-54-53-1634186663.png

Come se non bastasse a suscitare scandalo e indignazione, nei mesi successivi dimostrammo anche lo spreco e la balordagine anche didattica 

Inutile dire che l'ateneo catanese resta chiuso a riccio nonostante tutte queste rivelazioni che, a prescindere dalle imputazioni ed agli stessi esiti giudiziari, hanno fatto affermare al Procuratore Carmelo Zuccaro che queste decisioni dei due GUP rappresentano "riscontro al sistema illegale diffuso nell’ateneo catanese”.

 

Eppure tutto resta com'è, molti, troppi ai loro posti di comando.

schermata2021-10-14alle05-50-13-1634187205.png

Addirittura alcuni li "esportiamo" come nulla fosse e restano tranquillamente a dirigere importantissimi dipartimenti universitari o centri di ricerca con finanziamenti milionari.

E resta fisso ad imperitura vergogna il refrain:

"L'Università di Catania

continua a non costituirsi parte civile

nei processi contro chi ne ha danneggiato enormemente

interessi ed immagine!"


Leggi anche gli ultimi articoli:


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder