sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

eventi mof 2021 (1)

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Intervista al Segretario Generale CISL Maurizio Attanasio. Sui precari covid: "Non lasceremo che li prendano a calci!"La guerra e i suoi effetti nel tempo. Per tuttiIntervista a Mons. Antonino Raspanti,Vescovo di Acireale e Presidente della Conferenza Episcopale Siciliana"Caso Baglieri", il CODACONS: "Assessore non paga TARI? CHIARISCA O SI DIMETTA SUBITO"Celebrato il primo congresso della battagliera sezione catanese del sindacato nazionale CUB Trasporti: il dr. Salvatore Ventimiglia confermato Segretario30 giugno/1 luglio a Palazzo dei Normanni il MID.MED SHIPPING & ENERGY FORUML'assessore regionale ai rifiuti Daniela Baglieri da 5 anni non paga ...la tassa sui rifiuti?Un pensiero per Fratel Biagio Conte che sta lottando. AncoraStanno sfidando la furia popolare: aumento tassa rifiuti del 18%Nasce anche a Catania il Gruppo Archeologico Amenanos: tante le iniziative culturali in programma

All'ASP di Catania siamo alla follia: manca il funzionario per i pagamenti e...non pagano servizi essenziali

16-05-2022 11:17

redazione

Cronaca, Focus, comunicati, covid spese & C.,

All'ASP di Catania siamo alla follia: manca il funzionario per i pagamenti e...non pagano servizi essenziali

MAH!!!

aspct.jpeg

Pubblichiamo il comunicato emanato dalle più importanti organizzazioni di categoria e che non merita ulteriore commento:

 

COMUNICATO STAMPA


Confcooperative Sicilia, Confcooperative Federsanità e Uneba Sicilia in campo contro i disservizi dell’Asp di Catania: «Non è possibile che il pensionamento di un funzionario mandi in tilt un ufficio della sanità pubblica»

 

Catania, 13 Maggio 2022 – «Non è accettabile che il pensionamento di un funzionario mandi in tilt un intero ufficio della sanità pubblica». A parlare sono i presidenti delle associazioni di categoria Confcooperative Federsanità, Confcooperative Sicilia, Uneba Sicilia, rispettivamente Adolfo Landi, Gaetano Mancini e Santo Nicosia, che rappresentano enti riabilitativi e assistenziali etnei ex art.26 L.833/78, contando una forza lavoro di migliaia di operatori.

 

«L’Asp è il nostro primo e più importante committente. Senza i pagamenti delle fatture, in acconto e a saldo, le cooperative e i centri di riabilitazione non sono in grado di corrispondere gli stipendi ai propri dipendenti.

Da molti mesi, tali pagamenti avvengono in ritardo. Il responsabile dell’ufficio delibere è andato in pensione.

Al suo posto è stato assegnato un funzionario che ha dato le dimissioni poco dopo.

Stessa cosa è avvenuta con l’altro funzionario incaricato.

Il risultato è che l’ufficio è scoperto, senza che via stata l’attribuzione transitoria di una delega specifica a un sostituto, e le delibere per il pagamento del secondo acconto sono bloccate», affermano i tre presidenti, ponendo l’accento sulla mancanza di pianificazione e organizzazione di una macchina tanto importante, come l’Unità Operativa Complessa Handicap dell’Asp di Catania.

 

«Le nostre sono realtà che si reggono sul rapporto convenzionale con il Servizio sanitario regionale e rendono un’opera necessaria e indispensabile alle fasce più deboli del territorio.

Non è possibile trascurare, in modo così superficiale, la doverosa pianificazione dell’organizzazione interna di ogni pubblica amministrazione.

Ci sono servizi e stipendi compromessi dalle disfunzioni che scaturiscono da questa assenza di programmazione.

Un ritardo è tollerabile, ma ritardi ciclici e ormai strutturali non sono accettabili.

Pertanto, chiediamo alla Direzione generale dell’Asp etnea di intervenire al più presto per sanare questa situazione».

MAH!!!

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder