Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

IN EVIDENZA

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Oggi alle 17.30 al Metropolitan di Catania Nicola Gratteri, Antonino Raspanti, Antonio Nicaso e Daniela MainentiMiracolo a Catania: il centro di ascolto "Caffè Quotidiano" della Locanda del Samaritano ha aperto davvero"Non serve nessun generale golpista, la democrazia la stanno suicidando"Libera l'ex assessore Barbara MirabellaCatania, una città che non ha cura di niente: perde anche l'Amatori RugbyIl Talk di Sudpress in diretta alle 18: "Il nostro mare, da gioia a pena"Operazione antimafia "Sangue blu": per la DDA è Francesco Napoli il capo della cosca Ercolano-SantapaolaARRESTATO IL "RESPONSABILE PROVINCIALE" DELLA COSCA SANTAPAOLA-ERCOLANOIl programma di Giorgia Meloni "Per l'Italia - Accordo quadro per il governo di centro destra"Elezioni Regionali, tutte le preferenze nel collegio di Catania

Regione, i colonnelli siculi di FdI giocano col fuoco e mettono a rischio Lazio e premiership

06-08-2022 20:19

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus, Regione,

Regione, i colonnelli siculi di FdI giocano col fuoco e mettono a rischio Lazio e premiership

IN-COM-PREN-SI-BI-LI

IN-COM-PREN-SI-BI-LI

Mentre il centrosinistra con le primarie, per quanto "asfittiche", ha già trovato da tempo il suo assetto attorno a Caterina Chinnici e l'outsider Cateno De Luca continua la sua cavalcata e incassa consensi, il centrodestra pare cullarsi su sondaggi vittoriosi che rischiano di essere clamorosamente smentiti  dal clima di confusione che stanno creando con una comunicazione da pollaio.

 

È comprensibile la necessità di mostrare muscoli in campagna elettorale, anche quando è del tutto inutile e probabilmente anche fastidioso per chi assiste allo spettacolo, ma se si superano i limiti della decenza e si appare sguaiati e isterici, allora ci sicomplica la vita e diventa un boomerang.

 

Il quadro dovrebbe essere molto più semplice e probabilmente finirà per come deve essere, ma lasciando strascichi che potevano essere evitati con tutti questi veti incrociati e del tutto insensati, persino infantili, a volte ridicoli quando non patetici.

 

Il fatto poi della coincidenza delle elezioni regionali con le politiche non è vero che complica il quadro, anzi se ci fosse un minimo di ragionevolezza, dovrebbe averlo già semplificato.

 

Abbiamo visto come a sinistra lo scenario si sia subito chiarito, a destra invece gioca un ruolo decisivo la scelta dei presidenti delle regioni a più vicina scadenza: Sicilia immediata e poi Lombardia e Lazio.

 

È una perdita di tempo ormai melensa continuare a giocare sulla possibilità di ricandidare Musumeci: non esiste alcuna possibilità e non gli si fa un bel servizio continuando ad utilizzarlo per alzare prezzi o ottenere visibilità, non è un bel servizio per un uomo ormai di una certa età con una fortunatissima carriera che poteva guadagnarsi l'onore delle armi ed invece lo si sta riducendo una macchietta: non è bello e non è elegante.

La finiscano i finti sostenitori che hanno già superato la soglia del cinismo. 

 

I contendenti nell'alleanza di centrodestra, lo sappiamo, sono tre: Fratelli d'Italia, Lega e Forza Italia.

E qua il ragionamento dovrebbe essere logico, lucido.

 

Giorgia Meloni, che si sta giocando anche la premiership nazionale e quindi dovrebbe saper mostrare maggiori doti di mediazione, ha particolarmente a cuore il Lazio, sua terra d'origine, roccaforte elettorale che dovrebbe vedere in corsa per la presidenza un più che fedelissimo della stessa Meloni, Francesco Lollobrigida, addirittura parente in quanto marito della sorella Arianna. Più blindato di così.

 

La Lombardia è invece roccaforte della Lega e pensare che possa abbondanarla per opzionare una Sicilia in cui, almeno al momento, la rappresentanza elettorale è affidata alle truppe storicamente più ballerine e voltagabbana che ci siano, col rischio che l'indomani delle elezioni se ne tornino a sinistra, sembrerebbe un azzardo da sprovveduti, difficile da ipotizzare.

 

Per la Sicilia non resta quindi che Forza Italia ad avere titolo ad esprimere la presidenza, non foss'altro perché proprio in Sicilia è rimasto un fortissimo serbatoio elettorale in grado di trascinare l'intero centro destra in una competizione in cui i numeri, soprattutto a livello nazionale, non saranno così chiari come si spera.

 

E allora perché ancora tutti questi giochetti, quando sarebbe utile e necessario che i candidati, o le candidate presidenti possano cominciare a viso aperto a mostrarsi agli elettori parlando finalmente di contenuti e provando a dare una svolta ad una campagna elettorale che speriamo sia meno brutta di come sta cominciando.

 

E chi sta continuando con questa girandola di dichiarazioni sconclusionate si sta assumendo la responsabilità di rendere ancora più velenoso il quadro politico: e non ne abbiamo bisogno.

 

La Sicilia ha bisogno di conoscere i suoi candidati e di farlo subito per decidere nel modo meno dannoso possibile e magari, chissà, ne esce qualche sorpresa.

ORA FINITELA,

SIATE SERI SE VOLETE MANTENERE

UN MINIMO DI RISPETTO

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder