Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo racconta

Il commiato di Stefania Prestigiacomo, la vittima più illustre del sistema elettorale "roulette russa"

27-09-2022 09:15

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus, Speciale elezioni,

Il commiato di Stefania Prestigiacomo, la vittima più illustre del sistema elettorale "roulette russa"

"Oggi comincia una nuova storia" promette l'ex ministro di Forza Italia

L'ex ministro e deputato siracusano Stefania Prestigiacomo interrompe la sua presenza ininterrotta in parlamento per ben 28 anni, sempre nel partito Forza Italia che ha contribuito a fondare.

 

Era stata candidata al plurinominale per un seggio al senato nel collegio della Sicilia orientale.

 

Nonostante il successo personale di una campagna elettorale che l'ha vista presente in numerosi incontri in tutto il collegio, spesso a supportare il candidato presidente della regione Renato Schifani, Prestigiacomo ha subìto la beffa del sistema di calcolo per la distribuzione dei seggi che è stato assegnato, per appena 3 mila voti sugli oltre 100 mila ottenuti, alla Sicilia occidentale.

 

A risultati acquisiti, l'ex ministro ha salutato i sostenitori con un post su Facebook che annuncia un nuovo impegno, magari stavolta più concentrato sul territorio che le sta tributando numerosi omaggi con commenti di incitazione e apprezzamento. 

 

"Cari amici, - scrive Prestigiacomo - mi devo arrendere ai numeri. Il mio seggio non è scattato.  
Ho conquistato 107.000 mila consensi per Forza Italia nel collegio plurinominale del Senato della Sicilia orientale, 3000 in meno dei voti del collegio della Sicilia occidentale dove è scattato il seggio."

 

Concludendo con la promessa: "Oggi comincia una nuova storia. Io resto in campo, al servizio dell’unico partito in cui ho militato, un partito che mi ha dato tanto e a cui ho dato tanto e con il quale intendo proseguire il mio impegno."

Cari amici,
Mi devo arrendere ai numeri. Il mio seggio non è scattato.
Ho conquistato 107.000 mila consensi per Forza Italia nel collegio plurinominale del Senato della Sicilia orientale, 3000 in meno dei voti del collegio della Sicilia occidentale dove è scattato il seggio.
Nella mia circoscrizione sono stati determinanti i consensi del messinese Cateno De luca che in Sicilia orientale ha preso da solo il 17% dei voti. In Sicilia occidentale il 7%. Peccato tantissimi voti del tutto inutili, buttati via. Voti contro più che voti per costruire.
E poi c’è stato il ritorno demagogico dei Cinquestelle che hanno incassato il voto dei percettori del reddito di cittadinanza.

Penso di avere fatto il mio dovere, ma non è bastato e ovviamente sono molto dispiaciuta che non sia scattato il seggio per il quale ho combattuto una battaglia politica tenace faticosa, ma di una fatica bella.

Oggi voglio ringraziare di cuore innanzi tutto i sostenitori e i militanti di Forza Italia Siracusa, Catania, Messina, Enna e Ragusa, con i quali ho vissuto la più bella e difficile campagna elettorale che mi ha regalato tanta umanità e passione politica.

Faccio politica da tanti anni e so che nelle elezioni si vince e si perde.
Ho perso, ma non mi sento bocciata come qualcuno troppo frettolosamente stamane ha scritto. Anzi mi sento cresciuta.

Voglio invece ringraziare i giornalisti che mi hanno capita, che hanno scritto bene, che mi hanno anche criticata, ma con rispetto.

Voglio ringraziare il Presidente Berlusconi che in un giorno non facile per me ha saputo farmi sentire la sua vicinanza e darmi la carica.

Voglio ringraziare le amiche e gli amici che mi hanno inondata di affetto.

Voglio ringraziare tutta la mia meravigliosa famiglia che è sempre stata vicina e che in tutti questi anni ha anche pagato pegno per la mia visibilità.

Oggi comincia una nuova storia.

Io resto in campo, al servizio dell’unico partito in cui ho militato, un partito che mi ha dato tanto e a cui ho dato tanto e con il quale intendo proseguire il mio impegno.

Ps.
Concetta e Riccardo sempre al mio fianco. Preziosi, generosi, discreti, insostituibili amici, grazie.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder