Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo racconta

Dramma bollette: spiega cosa sta accadendo a Catania il presidente dell'Asec Trade Giovanni La Magna

17-11-2022 06:40

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

Dramma bollette: spiega cosa sta accadendo a Catania il presidente dell'Asec Trade Giovanni La Magna

Con le rateizzazioni si allungano solo i tempi: occorrono interventi a fondo perduto e spezzare le speculazioni

whatsapp-image-2022-11-02-at-14.36.33.jpeg

Ormai è angoscia per ogni famiglia o azienda l'arrivo delle buste contenenti bollette di ogni tipo.

Aprirle equivale ad una sorta di roulette russa e per molte imprese si fa sempre più fatica rimanere aperti.

 

A Catania, per quanto riguarda la distrubuzione del gas, tra i principali player abbiamo una società pubblica, partecipata dal comune di Catania: Asec Trade.

 

Un'azienda che mentre si trovava a combattere la battaglia per mantenere la propria utenza, oltre 40 mila clienti, in vista dell'avvento del cosiddetto "mercato libero" che rischia di trasformarsi in giungla, sta dovendo affrontare l'emergenza dell'aumento dei prezzi della materia prima e di tutta la filiera, che alla fine la vedono vittima al pari del consumatore finale.

 

Si è infatti innestato un pericolosissimo corto circuito vizioso, con le aziende al vertice che ottengono extra utili esagerati e del tutto ingiustificati determinati dal perverso meccanismo di quotazione di tipo borsistico dalla "borsa" olandese, mentre quelle della distribuzione, quindi l'ultimo anello, devono ribaltare i costi su aziende e famiglie che, diventando morose, le trascinano nella crisi di liquidità.: e non se ne esce più.

 

Con conseguenze che rischiano di essere drammatiche, anzi già lo sono.

 

La visione della governance di Asec Trade è quella di un'azienda pubblica, che pur dovendo far quadrare i conti, ha un'attenzione particolare per l'utenza, anche perché se non si mettono i clienti in grado di pagare, alla fine il danno è per tutti, ma le soluzioni sinora individuate e peraltro solo parzialmente attuate non paiono adeguate. 

 

L'azienda del gas, come le altre aziende pubbliche, "è amica dei suoi clienti, non ha alcun piacere  e nessun interesse a vessarli- questo il pensiero del manager di Asec - e si tenta di tutto per agevolarli quando le difficoltà sono oggettive, ma le normative da rispettare pongono limiti che nei casi limite non siamo in grado di superare, occorrono strumenti finanziari adeguati per affrontare questo difficile momento."

 

"Rateizzazioni e meccanismi di garanzie con costose fidejssioni - l'allarme del presidente di Asec Trade Giovanni La Magna -servono solo ad allungare i tempi del tracollo, non bisogna agevolare ulteriori indebitamenti di famiglie e imprese, occorrono interventi a fondo perduto per sterilizzare questi costi ingiustificati ed intervenire per spezzare i meccanismi speculativi; altri Stati lo hanno già fatto e deve farlo anche il nostro."

 

Speriamo.


Leggi anche:

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder