381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI


ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

whatsapp gif 2023-09-26 at 16.27.09
whatsapp gif 2023-09-26 at 16.27.09
whatsapp gif 2023-09-26 at 16.27.09
whatsapp gif 2023-09-26 at 16.27.09
whatsapp gif 2023-09-26 at 16.27.09
whatsapp gif 2023-09-26 at 16.27.09
whatsapp gif 2023-09-26 at 16.27.09
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

"Le città vanno in rovina quando non sono in grado di discernere 

gli uomini che non valgono nulla  da quelli valenti.”

 

Antistene (445-365 a.C.), in Diogene Laerzio, Vite, VI, 5

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Prime pioggerelle soliti allagamenti. Con discariche galleggianti: davanti la scuola Livio TempestaSu SudSport: domenica al via la A1 di Pallanuoto Femminile, Ekipe Orizzonte sfida se stessaSu SudSport: Nasce il Gravina Football Club con giovanissimi atleti"Nuova" PUBBLISERVIZI: interventi "urgenti" nelle scuole? A novembre...Su SudSport: Calcio, il Catania perde in casa per la seconda volta consecutivaSAC-Aeoporto di Catania, incredibile incendio: passeggeri stravaccati sulle scale e quelli in carrozzina tra i liquami"Nuova" PUBBLISERVIZI: gestione allo sbando, durissima relazione dei Revisori dei ContiSu SudSport: la Sicilia seconda al Trofeo CONI 2023Su SudSport: Aldo Premoli racconta dello Sport che è entrato nella CostituzionePalazzo della Cultura, mostra "RiEvolution": domenica 24 settembre evento speciale per kids,"Laboratorio artistico con Bruno Munari"

MPA prima forza a Catania - Marco Falcone si riprende Forza Italia, fuori D'Agostino - Da capire chi vince in

31-05-2023 07:16

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus, Elezioni 2023,

MPA prima forza a Catania - Marco Falcone si riprende Forza Italia, fuori D'Agostino - Da capire chi vince in FdI e la Lega è Sammartino

Buon lavoro a tutti, sperando che riescano a fare meno danni di quelli che si attendono...

-esplode-il-tombino-strada-distrutta-chiusa-l-alberata_7060.jpeg

Scrutinio finalmente concluso nella tarda nottata del suo secondo giorno, e già qui ci sarebbe da dire qualcosa: inammissibili i ritardi nel 2023 dove ancora si vota con la matita su fogliacci di carta e si devono attendere verbali cervellotici. Evidentemente a qualcuno conviene così o sono talmente scarsi da non riuscire ad immaginare, come nel resto del mondo, metodi di voto più moderni di quelli del dopoguerra, e di fare votare i non domiciliati nei luoghi di residenza manco a parlarne. Torneremo anche su questo.

 

Intanto, il trionfo senza precedenti di Enrico Trantino alla carica di sindaco è già stato metabolizzato e si attendono i primi atti, a partire dalla composizione della giunta che non sarà una passeggiata.

 

Le fibrillazioni riguardano adesso i risultati delle liste, che qualche sorpresa la registrano.

 

CENTRO SINISTRA

Nel titolo, che ha i suoi limiti di spazio, ci siamo concentratI sulle maggiori forze della maggioranza, ma anche tra i competitor le notizie non mancano: il centro sinistra si è liquefatto, riducendo l'opposizione ad appena 6 consiglieri su 36, compreso Maurizio Caserta che entra in quanto “miglior perdente”, così vuole la regola che assegna un seggio al secondo classificato tra i candidati sindaci.

 

Il Partito Democratico  raggranella appena 10.530 voti arrivando al minimo storico dell'8,54% dei votanti, dovendosi accontentare di appena 3 seggi che vanno a  Damien BonaccorsiAnna Vullo, e Gerri Barbagallo

 

Debacle totale dei 5Stelle che si fermano al 5,68% e per un soffio superano con 7.003 voti lo sbarramento portando in consiglio solo 2 dei suoi candidati: Graziano Bonaccorsi e Giovanni Amato.

 

Sempre nel centro sinistra umiliate le altre liste, scompare Bianco che arriva al 2,56%, la lista del candidato sindaco Caserta all'1,50% e L'ora del popolo di Riccardo Tomasello allo 0,50%.

 

Molto grave per una città che ci si ritrovi senza un'opposizione consistente, molto grave.

 

Inesistenti le liste degli altri candidati Zappalà, Lipera, Giuffrida e Drago. Ininfluenti.

 

SUD CHIAMA NORD 

Forte delusione per il movimento di Cateno De Luca che, mentre inanella l'incredibile successo a Taormina diventando sindaco, nel capoluogo etneo è riuscito a sbagliare tutto lasciando al 3,35% la sua lista che con i suoi 4.007 voti resta lontanissima dal poter ottenere un seggio.

 

Veniamo ai “vincitori”, anche se è ancora difficile fare un analisi completa, occorrerà capire meglio nei prossimi giorni i vari posizionamenti.

 

 

MPA

Chiarissimo il successo, peraltro atteso ma magari non con queste dimensioni, del Movimento Autonomista che fa capo a Raffaele Lombardo che somma .

Qui la leadership è indiscussa e gli equilibri interni sono determinati, gli autonomisti hanno rischiato dividendo la loro forza in due diverse liste ed entrambe sono andate agevolmente a bersaglio superando in scioltezza la soglia di sbarramento.

Le due liste, “Grande Catania” e “Popolari e Autonomisti” sommano 20.798 voti, arrivando al 16,87% dei consensi espressi.

Risultato importante che porta in consiglio comunale ben sei consiglieri:  il presidente uscente del Consiglio comunale Sebastiano Anastasi, gli uscenti Alessandro Campisi e Orazio Grasso, Maria Grazia Rotella e Angelo Scuderi, mentre entra per la prima volta nel senato cittadino l’avvocato già presidente della Multiservizi Serena Spoto.

 

FORZA ITALIA

Significativo quanto accaduto in Forza Italia, 15.324 voti col 12,43%, dov'era attesa la partita tra “storici” e new entry di recentissima fede schifaniana.

Il risultato anche inequivocabile: a Catania i voti del partito di Berlusconi fanno riferimento diretto all'assessore all'economia Marco Falcone, che piazza 5 consiglieri sui cinque eletti, lasciando malamente fuori dalla porta quelli espressi dal deputato Nicola D'Agostino.

Entrano in consiglio l'uscente Giovanni Petralia, e rientra Riccardo Pellegrino, mentre vi approda col titolo di più giovane mai eletto, appena vent'anni, Piermaria Capuana. Si aggiungono alla squadra forzista  Milena Monteleone e Melania Miraglia. 

 

LEGA - PRIMA l'ITALIA

La Lega, a Catania, è Sammartino-Sudano e non ci sono dubbi, un pacchetto di voti che la coppia ha dimostrato più volte di riuscire a portare dove vuole, da sinistra a destra passando per il centro e, se necessario, dall'alto in basso e viceversa. Voti loro, punto e chapeau.

E anche in questa tornata registrano il loro successo, che non si limita al capoluogo ma si estende alla provincia con numerosi sindaci ed amministratori eletti.

A Catania città ottengono 13. 619 voti arrivando all'11.05% ed eleggendo cinque consiglieri: l'uscente Giuseppe Gelsomino, Giuseppe Musumeci, Maurizio Zarbo, Valentina Saglimbene, e Andrea Cardello.

 

NOI MODERATI - DEMOCRAZIA CRISTIANA

Anche il partito di Totò Cuffaro supera lo sbarramento con i suoi 8.099 arrivando al 6,57%.

Elegge due consiglieri: Salvo Giuffrida e Maurizio Mirenda.

 

LISTA TRANTINO SINDACO

Buono il risultato della lista riferita direttamente al candidato sindaco del centro destra Trantino e che metteva dentro un pò di tutto, centristi compresi.

Ottiene 10.703 voti e col 8,68% elegge quattro consiglieri: Giovanni Curia, Fabio Domenico Currò, Alessia Trovato ed Anthony Manara.

 

FRATELLI d'ITALIA

È nel partito che porta il nome della premier come bandiera che l'analisi si fa più complessa e gli si dovrà dedicare spazio a parte nei prossimi giorni, considerato che, come sempre accade quando le diligenze si affollano, è in corso una guerra tra “fratelli coltelli” che si rifanno alle varie anime.

In ogni caso il successo della lista c'è stato, bisogna capire a chi assegnarla.

18.607 i voti che la portano al 15.09%.

Conquista 7 seggi eleggendo Daniele Bottino, primo degli eletti in questa tornata, e poi Andrea Barresi, Paola Parisi, Erio Buceti, Erika Bonaccorsi e Giovanni Magni e Viviana Lombardo.

 

Vedremo nei prossimi giorni cosa emergerà di interessante…

Intanto, buon “lavoro” a tutti, sperando che riescano a fare meno danni di quelli che si attendono.

 

 


Leggi anche:

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder