381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Si diffonde anche in Italia il Litigation FundingSu Sudsport “Boxing For Change”: il pugilato a scuola e in carcere in Italia, Spagna e RomaniaMare "Mostrum": riaprono i solarium ma Catania è bandiera nera.Su Sudsport Calcio a 5 play off: Catania lotta, ma Napoli prevale 5-3 nelle Finals ScudettoEuropee a Catania: Forza Italia primo partito con Falcone e l'MPA, delusione per Tamajo che nelle altre province spacca. In FdI i voti li ha sempre PoglieseA Confindustria si parla di "Cyber Index PMI: La Cultura Digitale protegge la tua Imprese”Europee isole: 2 seggi per FdI e FI, 1 PD, M5S, Lega e AVS. Disastro De Luca, Renzi e Calenda che restano fuori.Su Sudsport CUS Catania: festa di fine stagione e da lunedì 10 giugno al via il Campus estivoLa Sicilia non ci crede più: democrazia finitaSu Sudsport Diciassettesima Edizione della SuperMaratona dell’Etna: la più grande corsa in salita al mondo

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Lo sciopero generale del 17 novembre... a metà

16-11-2023 05:30

Christian Costantino

Cronaca, Focus,

Lo sciopero generale del 17 novembre... a metà

Vogliono imporre scioperi che non creino disagi...Comincia a farsi pericolosa.

whatsapp-image-2023-11-15-at-19.09.12.jpeg

Il tanto atteso sciopero del 17 novembre nel settore dei trasporti subirà una drastica riduzione, passando dalle iniziali 8 ore a sole 4, su disposizione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti guidato da Matteo Salvini.

 

Scendiamo nel dettaglio.


Dopo una giornata di ponderate riflessioni sulle implicazioni dell'ordinanza e sulle potenziali multe che potrebbero affliggere i lavoratori in sciopero, Cgil e Uil hanno emesso la loro sentenza

 

Per il settore dei trasporti, l'agitazione programmata per il venerdì sarà compressa da 8 a 4 ore, precisamente dalle 9 alle 13. 

 

La dichiarazione è giunta direttamente dalla bocca del fervente segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, durante una conferenza stampa con il suo omologo della Uil, Pierpaolo Bombardieri

 

Landini ha sottolineato che, nonostante la volontà di continuare la mobilitazione, la responsabilità ha spinto a adeguarsi alla precettazione per tutelare i lavoratori da possibili sanzioni economiche e penali.

 

La reazione tempestiva di Matteo Salvini non si è fatta attendere, esprimendo la sua "soddisfazione" per la riduzione dello sciopero e affermando che: "Hanno vinto il buonsenso, i lavoratori e i cittadini".

 

Tuttavia, uno degli aspetti più controversi delle dichiarazioni di Salvini ha destato l'attenzione. 

Con uno stile decisamente poco convenzionale per un ministro della repubblica, Salvini ha dichiarato: "Chi disubbidirà, subirà conseguenze".

 

Qui sorge un paradosso evidente: lo sciopero, per sua stessa natura, mira a causare disagi, e il lavoratore è protetto nel farlo. 

 

I disagi provocati da uno sciopero, inevitabilmente, coinvolgono non solo la classe dirigente ma l'intera nazione, colpendo duramente pendolari, precari e coloro che dipendono dai trasporti pubblici per recarsi al lavoro.

 

Ma, proviamo a immaginare un mondo in cui non siano i sindacati a determinare la durata degli scioperi, bensì il ministro dei trasporti. 

 

In questo scenario, quale sarebbe il senso degli scioperi programmabili come una normale giornata lavorativa? 

 

Gli scioperi, per loro stessa natura, sono concepiti per creare disagio.

 

Un esempio emblematico è quello dei lavoratori francesi che, anziché limitarsi a 4 ore, hanno paralizzato Parigi per ben 3 settimane, protestando contro l'aumento del costo del carburante, misure di austerità e tasse sul carbonio. 

 

L'esito per i lavoratori francesi? 

L'annullamento delle imposte sul carburante, l'aumento del salario minimo e l'eliminazione delle tasse sugli straordinari e sui bonus di fine anno.

 

Ancora una volta, emerge la preferenza per il binomio "bastone e carota" nella gestione delle proteste sociali.

Landini prenda esempio.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder