381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Si diffonde anche in Italia il Litigation FundingSu Sudsport “Boxing For Change”: il pugilato a scuola e in carcere in Italia, Spagna e RomaniaMare "Mostrum": riaprono i solarium ma Catania è bandiera nera.Su Sudsport Calcio a 5 play off: Catania lotta, ma Napoli prevale 5-3 nelle Finals ScudettoEuropee a Catania: Forza Italia primo partito con Falcone e l'MPA, delusione per Tamajo che nelle altre province spacca. In FdI i voti li ha sempre PoglieseA Confindustria si parla di "Cyber Index PMI: La Cultura Digitale protegge la tua Imprese”Europee isole: 2 seggi per FdI e FI, 1 PD, M5S, Lega e AVS. Disastro De Luca, Renzi e Calenda che restano fuori.Su Sudsport CUS Catania: festa di fine stagione e da lunedì 10 giugno al via il Campus estivoLa Sicilia non ci crede più: democrazia finitaSu Sudsport Diciassettesima Edizione della SuperMaratona dell’Etna: la più grande corsa in salita al mondo

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Parcheggiatori abusivi: un fenomeno solo catanese?

07-06-2024 13:00

Christian Costantino

Focus, parcheggiatori abusivi,

Parcheggiatori abusivi: un fenomeno solo catanese?

Contrastarli è più semplice del previsto.

Partiamo con un presupposto:

 

Condanniamo ogni forma (per quanto questa possa essere piccola) di sostegno economico a favore della mafia.

 

Volendo fare le pulci, proprio piccola non è, ma diciamo che è quella che viene tenuta meno in considerazione, stiamo parlando dei parcheggiatori abusivi.

 

Ogni parcheggiatore, facendo un calcolo approssimativo e per difetto, guadagna circa 200 euro netti al giorno .

Questa cifra la si ottiene grazie ai numerosi interventi della polizia che ritrova sempre quel bottino nelle mani dei vari parcheggiatori; da qui, arriviamo alla cifra mensile: 6.000 euro.

 

Pensate, ben 6.000 volte in più di quello che prende un giornalista!

 

Si scherza ovviamente, ma lo scherzo spesso serve ad arrivare a problemi ben più profondi di quelli che sembrano.

 

Di quei 6.000 euro al mese, l'80% va in mano alla mafia. Di quello stipendio da manager non rimangono che briciole. 

Gruppi più organizzati, invece, riescono a pagare i loro parcheggiatori anche 2000 euro a serata quando ci sono eventi di particolare affluenza. 

 

Vedete, spesso viene fatta passare l'idea che i parcheggiatori abusivi siano un fenomeno tutto italiano, anzi, meridionale

Ma è possibile che un business da 6.000 euro al mese sia un unicum in tutta Italia? Milano, Torino, Bologna… qualsiasi grande città ha dei parcheggiatori abusivi, e no, non sono solo catanesi o napoletani. Nessuno è escluso.

 

Addirittura ci sono in Brasile i flanelinha, in Francia i volture (un gioco di parole tra ladro = voleur e macchina = voiture), in Spagna i gorillas, ecc.

 

Insomma, dimostrato che non è un fenomeno esclusivamente catanese o napoletano, ci sentiamo un po' meno soli, vero?

 

Ma come possiamo contrastarli?

 

In molti casi, i parcheggiatori abusivi risultano ufficialmente nullatenenti, rendendo difficile il pagamento delle sanzioni anche quando viene emesso un verbale. Di conseguenza, l'esercizio di questa attività rimane spesso impunito. Tuttavia, è sempre possibile presentare denuncia alla polizia per estorsione, il che può portare all'arresto. In assenza di una denuncia, è necessaria la flagranza di reato per procedere.

 

Quindi, non solo non pagano la multa, ma prenderli è praticamente un evento più unico che raro.

 

Che bisogna fare allora?

 

In quest'ultimo mese a Catania ci sono stati molteplici arresti, ma la situazione non cambia né è destinata a cambiare.

 

Allora, dato che non pagano multe, hanno praticamente l'immunità di un diplomatico e non ci si può rifiutare di pagarli, non rimane che fare una cosa: trovare un altro parcheggio.

 

Preferiamo ritardare 5 minuti ad un appuntamento facendo un altro giro con la nostra auto o facciamo 500 metri in più a piedi, insomma, evitiamo di dare soldi ai parcheggiatori. 

 

Certo, il fatto che sostare sulle strisce blu costi 7 euro al giorno  rende complicata la lotta al fenomeno. 

 

 

 

 

[Foto: Repubblica]

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder