381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Domeniche bestialiSudsport Beach Soccer Poule Scudetto 2024, il Catania FC vince contro Farmaè ViareggioCatania, la "Edimburgo del Sud": dove si inaugurano gli "slarghi" - VideoSu Sudsport BEACH SOCCER - Serie A Puntocuore: due squadre catanesi in Final Eight, ultime 72 ore di attesaRegione Siciliana: critiche asperrime al governo Schifani per la gestione dell'AST che taglia corse essenzialiSu Sudsport A Lignano Sabbiadoro l'ultimo atto della Regular Season di Beach Soccer: Domusbet.TV Catania in vettaLutto nel mondo dell'Informazione per la scomparsa del direttore Rino Lodato, giornalista perbene e garbatoSu Sudsport Conclusa la prima edizione del Sicilia Padel Tour, pronti per il 2025Schifani smentisce Trantino ed emana l'ordinanza per tutelare i lavoratori dal caldo afoso che il sindaco di Catania ha negatoProtocollo d'intesa tra ASMOE e COI-AIOG per il miglioramento della sanità in medicina ed in odontoiatria estetica

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Altro che scuole, in Sicilia sono "squole".

04-07-2024 06:30

Christian Costantino

Cronaca, Focus, scuola, sud, mezzogiorno, differenza tra sud e nord,

Altro che scuole, in Sicilia sono "squole".

La scuola ha dimenticato i ragazzi del sud.

squolacri.webp

Finché si tratta di strade, trasporti pubblici, stipendi... siamo abituati: il Sud è anni luce dietro il Nord. 

Ma anche nella scuola? 

Quello che dovrebbe essere il luogo più sicuro, privo di classismo ed egualitario , smette di esserlo. 

Insomma, anche nelle scuole il Sud sta dietro al Nord.

 

Dall’accessibilità alle scuole alla disponibilità dei servizi sanitari, il divario persiste, delineando un quadro di disparità marcata.

 

Le scuole nel nord sono più accessibili rispetto a quelle del Mezzogiorno, dove esiste una significativa carenza di infrastrutture facilmente raggiungibili. 

Questo divario si riflette chiaramente nei servizi di trasporto urbano e interurbano, fondamentali per garantire un accesso equo all'istruzione.

 

Mentre nel Nord oltre l'86% delle scuole è facilmente raggiungibile, nel Mezzogiorno solo il 36,4% non presenta criticità di accesso, spesso richiedendo l'uso di mezzi di trasporto privati. 

Queste differenze non solo influenzano l'equità educativa, ma rappresentano anche una sfida significativa per la coesione sociale e lo sviluppo equilibrato del Paese.

 

Esempio locale:

Un ragazzino intelligente e dotato di Santa Maria di Licodia o Paternò, con entrambi i genitori lavoratori, che vorrà frequentare una buona scuola in città, avrà due opzioni: svegliarsi ogni mattina alle 4:00, prendere i mezzi pubblici ed arrivare a destinazione alle 8:00, oppure frequentare una scuola che sottostima le sue ambizioni.

 

Figuriamoci poi, ci sono ottimi professori anche in scuole più remote, ma una buona istruzione passa anche per la libertà di scelta dell’indirizzo che vorrà prendere l’alunno.

 

DATI SUD:

 

650mila alunni delle primarie statali (79%) non beneficiano della mensa. 

In Campania se ne contano 200mila (87%), in Sicilia 184mila (88%), in Puglia 100mila (65%), in Calabria 60mila (80%). 

Anche la mensa è importante, perché questo aiuta i genitori, specie chi lavora in full time, a tenere i ragazzini o i bambini in un luogo sicuro.

 

Gli alunni della scuola primaria nel Mezzogiorno frequentano in media 4 ore di scuola in meno a settimana rispetto a quelli del Nord

La differenza annua tra le regioni con meno ore (Molise e Sicilia) e quelle con più ore (Lazio e Toscana) è di 200 ore.

 

200 ore! Praticamente un mese di scuola in più.

 

Ma anche questo non stupisce troppo. 

Più tempo si passa a scuola, più costa la luce, il riscaldamento, il personale addetto alle pulizie, insegnanti, ecc. 

Con fondi pressoché ridicoli, si capisce bene perché si preferisca sacrificare “qualche” ora.

 

Tra il 2008 e il 2020, la spesa complessiva in termini reali è diminuita del 19,5% al Sud, mentre al Nord solo del 12%. Gli investimenti sono calati di quasi un terzo al Sud, contro il 23% nel resto del Paese.

 

In Italia ci sono 9,5 milioni di minori, di cui 1,3 milioni vivono in povertà assoluta e 2,3 milioni in povertà relativa. Oltre il 25% dei minori ha livelli di apprendimento molto bassi, con una maggioranza tra coloro che vivono in povertà. Rossi Doria e altri esperti sono stati chiamati dal ministero dell’Istruzione per garantire che i fondi del Pnrr per la scuola siano usati efficacemente. 

 

Andando più avanti i tagli saranno sempre più importanti e lì, purtroppo, verremo costretti a rinunciare a quella convinzione che c'è sempre stata in Italia, che la scuola, come la morte, è una livella. 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder