sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

IN EVIDENZA


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Presentato all'Ardizzone Gioeni di Catania il progetto della Regione "La Sicilia non Tratta"UNICT, opportuno non generalizzare: "C'È CHI NON CI STA". E con nome e cognome!UNICT, hanno fatto anche questa: l'imputata Marina Paino "confermata in segreto" Direttore di Scienze UmanisticheSudStyle Talk alle 11 in diretta: "Con un Iphone si può raccontare la Storia o scattare una Poesia?""Non è mai indolore cambiare un ceto politico inadeguato"Museo Diocesano di Catania, venerdì e sabato 31 relatori e 4 moderatori su "Arte e Gender"UNICT, "Università Bandita 2": rinviati a giudizio Enzo Bianco, Orazio Licandro, Maria Antonietta Paino e altri 42 baroni, baronetti e baronucciAll'Ardizzone Gioeni la mostra di fotografi down "Innocenti scatti di emozioni"UNICT: ma la pagano la TARI su Torre Biologica?Elezioni, Centrodestra in affanno: Musumeci perde anche Caltagirone, avanti gli autonomisti, PD-5Stelle ci credono

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Il Traditore: il Taormina Film Fest ci ricorda che merda è la mafia

01-07-2019 12:58

Antonio Catara

Cronaca, cosa nostra, riina, guerra dei Roses, depuratori, prefetto Nicola Diomede, Simona Celi Zanetti, Terracina Beach Soccer, Catania Beach Soccer, Supercoppa Italiana,

Il Traditore: il Taormina Film Fest ci ricorda che merda è la mafia

favino-.jpeg


Grande successo alla 65° edizione del Festival Internazionale del Cinema di Taormina targato Videobank con l'attesissimo intervento di Pierfrancesco Favino che ha presentato l'ultima opera di Marco Bellocchio "Il Traditore" con una masterclass d'eccezione.


Con queste parole Pierfrancesco Favino ha voluto riassumere il film 


Il Traditore

, che parla proprio del declino di Tommaso Buscetta e del suo pentimento.  Siamo così certi che Buscetta avrebbe ugualmente deciso di collaborare con lo Stato se Totò Riina non avesse dato vita alla mattanza del 


Triangolo del Terrore

? Oppure senza quei massacri oggi staremmo parlando di "Don Masino" come Capo dei Capi? La risposta non ci è dato saperla, quello di cui, però, lo stesso Favino è certo è che


Buscetta sia stato un "abilissimo manipolatore della realtà."

Pur mostrandoci la storia e gli eventi dal punto di vista del criminale, la pellicola Il Traditore da grandissimo risalto alla figura del giudice Giovanni Falcone, per il quale lo stesso Boss dei Due Mondi finisce per provare ammirazione e addirittura affetto. La morte dello stesso giudice riesce ad essere in qualche modo l'unico pretesto che convince il boss a tornare in Italia per collaborare ancora con la giustizia. Quello tra Falcone e Buscetta non è solo uno scontro dal punto di vista legale e istituzionale, ma


una collisione ideologica tra il modo di vedere la mafia come una "faccenda d'onore" e quello di vederla per com'è, cioè "una montagna di merda".

Buscetta, durante il colloquio con il giudice, sembra schifato da Cosa Nostra, non per le sue azioni deplorevoli ma per la perdita, a suo dire, dei valori sui quali la 


vera mafia

sarebbe nata.


La proiezione e la disamina di un film di tale spessore con i protagonisti che gli hanno dato vita e in un


festival del cinema

importante come quello di Taormina è un'occasione importantissima. Ricordare gli orrori, dei quali la nostra terra è stata palcoscenico, è l'unica via concreta per evitare che questi vengano ripetuti in futuro. Inoltre, sentire lo stesso Favino smontare il personaggio da lui interpretato- personaggio per il quale, inevitabilmente, si finisce per provare empatia- significa assumere ulteriormente quella consapevolezza necessaria per allontanare e rinnegare la mafia e tutti i suoi comportamenti.


Perché ricordiamolo: non si è mafiosi solo prendendo in mano una pistola e sparando. Si è mafiosi nella prepotenza, nell'omertà e nell'indifferenza. 

 


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder