Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo racconta

Giorni di “ordinaria criminalità”, nuovo furto al parcheggio del Policlinico

07-09-2020 13:43

redazione

Cronaca, Focus, furti, policlinico catania, parcheggio multipiano,

Giorni di “ordinaria criminalità”, nuovo furto al parcheggio del Policlinico

I furti al parcheggio del Policlinico non si fermano. E a nulla sembrano servire “addetti alla sicurezza”, sbarre di ingresso e telecamere

furto-vespa-policlinico-patan-1599475119.jpg

I furti al parcheggio del Policlinico non si fermano. E a nulla sembrano servire “addetti alla sicurezza”, sbarre di ingresso e telecamere, perché i motorini continuano comunque ad essere rubati: venerdì scorso così come nel lontano 2018. Analizziamo insieme quest’ennesimo caso di “ordinaria criminalità” per scoprire che forse, anche chi non proprio dovrebbe, si sta quantomeno abituando a questa situazione.


“Si sono portati via un pezzo della mia storia... della mia vita!”. Questo è ciò che ha rappresentato, per il signor Gaetano Patanè, il furto della sua amata vespa – avvenuto venerdì scorso nell'area parcheggio moto davanti al padiglione A del Policlinico.

 

“Alle ore 8 e 20 circa di giorno 4 settembre sono arrivato al Policlinico, avevo un impegno di lavoro al padiglione di fronte al parcheggio, in Oncologia.

 

Ho parcheggiato la mia vespa negli spazi designati alle moto [slot non a pagamento, ma sorvegliati dalla ditta Eco-Tourist n.d.r] legandola al palo con la catena. Quando sono tornato a riprenderla, un’ora dopo, non c’era più. Né la moto, né la catena, che sicuramente è stata tranciata”

 

A questo punto voi cosa avreste fatto?

 

“Abbastanza scosso sono andato a parlare con l’addetto alla vigilanza dell’Università che inizialmente mi ha diciamo così “liquidato” in modo abbastanza scontroso."

 

"Così sono andato a chiedere all’addetto al parcheggio che – abbastanza rassegnato – mi ha allargato le braccia e suggerito di chiamare i carabinieri. Loro sono responsabili delle aree a pagamento, quindi non ha potuto farci più di tanto."

 

“Al Commissariato di Nesima in Piazza Eroi d’Ungheria, appena ho detto di essere stato derubato della mia vespa, l’addetta con cui ho parlato mi ha subito risposto: “e siamo a due, è stata rubata un’altra moto d’epoca la settimana scorsa, nello stesso posto”.

 

"E poi, un altro suo collaboratore ha prontamente aggiunto: “Non è che possiamo fare un indagine per ogni moto che viene rubata al policlinico, sono centinaia”, parafrasando magari perché non ricordo le parole esatte, ma il senso era proprio questo."
 

Un cittadino che si sente dire in faccia queste cose come dovrebbe reagire, cosa dovrebbe pensare?

 

“Io che sono stato derubato non posso sentirmi dire certe cose, allora perché io vi pago lo stipendio? Io capisco magari queste dinamiche, ma non posso sentirmelo dire così in faccia”

 

“Scoraggiato, ho comunque fatto regolarmente la denuncia. Mi è stato detto che saranno anche visionate le registrazioni delle telecamere del parcheggio, che sono di competenza del Policlinico”

 

In un modo o nell’altro, speriamo che comunque la vespa venga ritrovata; ma soprattutto che venga fatto qualcosa di serio a monte affinchè i furti non si verifichino nuovamente.

 

Se avete notizie in merito vi invitiamo a contattare i numeri di riferimento:

Gaetano Patanè: 320/0621457

Roberto Patanè: 368/661477

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder