sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpresss.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpresss.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

IN EVIDENZA

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Cittadella Giudiziaria sul mare: i 5Stelle ricorrono al TAROperazione antimafia dei carabinieri: azzerate 12 piazze di spaccio, 101 indagatiCaso Razza-La Rocca: facciano i nomi dei primari infedeli o vadano a casa loroSudStyle Talk: alle 11 "Covid tra genitori e figli, chi la sta vivendo meglio/peggio?"Ospedale Garibaldi: due notizie diverse per raccontare cosa accade in tempi di emergenza tra barbarie e professionalitàTribunale di Catania: avvocati presentano esposto e arriva ispezione ministerialeDenuncia CODACONS: 4 medici di base su 10 non rispondono neanche al telefonoOggi i funerali dell'avvocato Fabio Ferlito, ben voluto "Big Jim" del Foro cataneseArrestato dalla GdF usuraio catanese: tasso del 120% a ristoratore in difficoltàPerché la Camera di Commercio presieduta da Pietro Agen "partecipa" con 87 mila euro al consorzio fidi Cofiac presieduto da ...Pietro Agen?

SAC, i 112 mila euro per i cestini e la Rup che si è sentita lesa

04-11-2020 07:00

Lucia Murabito

Cronaca, Inchieste, SAC&CamCom, Focus, aeroporto catania, Sac, aeroporto, aeroporto fontanarossa,

SAC, i 112 mila euro per i cestini e la Rup che si è sentita lesa

Una rettifica singolare

danielacaicosac-1604440027.png

A seguito della pubblicazione del nostro articolo sull'aquisto di 120 mila euro di cestini per la raccolta differenziata all'aeroporto Fontanarossa in tempo di emrgenza pandemica con traffico aereo dimezzato e lavoratori in cassa integrazione, abbiamo ricevuto una richiesta di "rettifica" alquanto singolare. 
Ad inviarla è stato l'avvocato Antonella Arena, per conto dell'ingegnere Daniela Maria Caico, Rup (Responsabile Unica) della gara per la fornitura e sistemazione presso i Terminal A-C dei cestini raccolta differenziata.
Figura che non avevamo minimamente chiamato in causa e del cui nome veniamo a conoscenza proprio con la lettera di rettifica. E che non capiamo bene cosa rettifichi.

Ve la lasciamo in versione integrale qualche riga più sotto, ma sottolineiamo giusto un passaggio. La Rup scrive per mezzo del suo avvocato:
 

"Allorquando, in data 02.03.2020, si confermava lo stato della gara, con perfezionamento del bando previsto per il 15.07.2020, non si conoscevano, né erano altrimenti conoscibili, gli effetti della propagazione del virus, manifestatisi in data successiva."

Ricordiamo ad onor di cronaca che lo stato di emergenza sanitaria fu dichiarato dall'OMS il 30 di gennaio e l'indomani dal governo italiano,mentre il 3 febbraio il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, firmava l’ordinanza che disciplinava i primi interventi urgenti relativi “al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”.

A luglio poi è inutile dirlo, al situazione era già grave, tanto da portare il Governo a firmare la proroga dello stato di emergenza epidemiologica, con restrizioni per l'accesso ai siti aeroportuali ancora in vigore.

Il testo integrale della "rettifica"

In nome e per conto dell’Ing. Daniela Maria Caico, RUP nominata nei procedimenti di affidamento cestini raccolta differenziata e bagni chimici esterni situati nell’Area Terminal A, giusta mandato professionale a tal uopo conferito, si rileva come i fatti riportati nell’articolo indicato in oggetto
necessitino le precisazioni di seguito esposte:


“Con riferimento alla gara per la fornitura e sistemazione presso i Terminal A-C dei cestini raccolta differenziata, la procedura ha avuto inizio in epoca anteriore al manifestarsi dell’emergenza epidemiologica, precisamente nel febbraio 2020. Allorquando, in data 02.03.2020, si confermava lo stato della gara, con perfezionamento del bando previsto per il 15.07.2020, non si conoscevano, né erano altrimenti conoscibili, gli effetti della propagazione del virus, manifestatisi in data successiva.
Giova precisare, in riferimento al contenuto video, che la raccolta differenziata per le dette aree è attività ancora non applicata, in quanto subordinata all’acquisizione di preventivo studio di fattibilità sulla gestione dei rifiuti, in atto già affidati a ditta esterna, il cui completamento ha subito notevoli rallentamenti a causa della ancora attuale situazione sanitaria.
Per ciò che concerne la allocazione dei bagni esterni, avvenuta in data 07.10.2020, situati nell’area antistante il terminal A, è stata cura del RUP nominato nel procedimento di gara, sin dalla fase iniziale di ricezione dell’incarico, inoltrare molteplici e reiterate richieste e segnalazioni a chi di
competenza, volte all’intensificazione del servizio di igienizzazione e sanificazione degli stessi, che hanno trovato opportuno riscontro in data 27.10.2020.”


Atteso che entrambe le attività sono attualmente riconducibili alle funzioni esercitate dalla mia assistita ed essendo quanto esposto mendace e lesivo della dignità e del decoro professionale della stessa, si reputa opportuno esporre le rettifiche sopra formulate, chiedendo che esse siano pubblicate, entro e non oltre due giorni dalla ricezione della presente.
Il sottoscritto difensore si riserva di valutare i profili penalisitici di quanto accaduto e di esercitare la relativa azione, invitando al contempo la Testata in indirizzo ad astenersi da ulteriori condotte anche solo indirettamente denigratorie del decoro e della professionalità della mia assistita.


Distinti Saluti.
Catania, 02.11.2020

 

Avv. Antonella Arena


AVVERTENZA PER PM, GIP E GIUDICI (nel caso di denuncia per diffamazione questo inciso fa parte integrante dell’articolo): questo, come tutti gli altri dedicati a SAC e Camera di Commercio di Catania, (tra loro collegate per gestione, direzione e controllo), è indispensabile, a fini di giustizia, valutarlo in relazione a tutti gli altri pubblicati, (alcuni elencati in via non esaustiva in calce e compresi quelli che saranno pubblicati prossimamente), in quanto fa parte di un’unica organica attività d’inchiesta giornalisticaorientata alla funzione di pubblica utilità di raccontare le dinamiche del potere locale, i metodi di gestione di enti pubblici e l’utilizzo di pubbliche risorse. Di conseguenza toni e contenuti sono direttamente correlati alla successione narrativa.

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Editori Indipendenti S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder