sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

IN EVIDENZA

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

La magia del burlesque al Music Opera Festival mercoledì 4 agosto alle 21.00SudStyle Talk: alle 10 in diretta si parla di una "Rassegna dedicata a chi non si rassegna""La Cultura Classica salverà l'Uomo dalla dittatura della Tecnica"Bella serata all'Ardizzone Gioeni tra Spettacolo e VolontariatoL'incredibile "Porto di Catania" tra indecenza e potenzialità: intervista al Commissario Alberto ChiovelliEnnesima emergenza rifiuti nel catanese: NELLE MANI DI NESSUNOQuesta sera "Ciatu": la potenza del Teatro Nèon all'Ardizzone GioeniMartedì 27 luglio torna all'Ardizzone Gioeni l'illusionismo divertente del Music Opera FestivalLunedì 26 alle 21 Ardizzone Gioeni i cori di UNICAVUCICamera di Commercio del Sud Est cancellata: commissario entro 30 giorni

Pubbliservizi: il commissario Perazzoli a caccia della talpa...barricata

13-07-2021 07:05

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus, Pubbliservizi, pubbliservizi, Maria Virginia Perazzoli,

Pubbliservizi: il commissario Perazzoli a caccia della talpa...barricata

Il surreale "invito a confessare": I Monthy Python non sarebbero riusciti ad essere più comici

schermata2021-07-13alle06-10-57-1626149575.png

Qualche giorno fa abbiamo raccontato di una lunga serie di rimborsi spese che interessavano la società partecipata dalla Città Metropolitana di Catania Pubbliservizi.

 

Argomento di indiscutibile pubblico interesse e rilevanza, considerato che si tratta di soldi pubblici e metodi di gestione da parte di incaricati di pubbliche funzioni.

 

Migliaia di euro in pranzi, cene, soggiorni e voli caricati sul bilancio di un'azienda da anni sull'orlo del fallimento.

 

Che un Commissario ministeriale, nominato dal ministero per lo Sviluppo Economico, e quindi un pubblico funzionario, decida di farsi rimborsare grappe barricate, gamberi rossi e altre prelibatezze, vasche idromassaggio, e spesso pranzi o cene a più coperti, non è solo una questione di buon gusto, ma diventa di pubblica rilevanza quando il denaro utilizzato è pubblico e per di più di una società con enormi difficoltà.

 

E pone senza ombra di dubbio l'opportunità ed i criteri in base ai quali il ministero competente effettua la scelta di certe nomine così delicate.

La reazione all'articolo da parte del commissario Perazzoli è stata quanto mai scomposta e decisamente inopportuna, arrivando a formalizare una vera e propria "caccia alla talpa", con tanto di intimazione alla "confessione".

 

A quanto pare problematiche che riguardano non solo quanto accade a Catania, considerato che ci sono arrivate segnalazioni anche da Velletri ed altre città del Lazio che tiamo verificando e che rendono quanto mai necessari i più opportuni approfondimenti, e non da parte nostra che ci limitiamo a raccontare.

 

La reazione, si diceva, è davvero ultra interessante e consiste in una lettera che il commissario ministeriale Maria Virginia Perazzoli ha inviato su carta intestata della Publbiservizi in data 12 luglio a diversi dipendenti della stessa società, il contenuto è inaudito ed incredibile:

pubblije-1626154191.jpg
8c2d5452-c960-4292-84fc-7b428cdac5d5-1626151054.jpg

I Monthy Python non sarebbero riusciti ad essere più comici: peccato che si tratti di funzioni pubbliche, se no ci sarebbe da ridere a crepapelle.

A parte gli insulti al nostro giornale, (definirlo "sedicente" induce tenerezza e comprendiamo il nervosismo considerato che si tratta di un quotidiano registrato da oltre un decennio presso il Tribunale di Catania e con decine di migliaia di lettori al giorno) e l'accenno patetico alle querele subìte, che sono medaglie per quanto ci riguarda e per le quali stiamo già ottenendo cospicui risarcimenti, le affermazioni contenute nella missiva sono davvero surreali.

 

Incomprensibile e persino aggravante il tentativo di giustificare l'acquisto al Decò con il fatto che la società era chiusa per ferie: per emettere una fattura in un supermercato bisogna espressamente chiederlo alla cassa ed allora il problema è chi lo ha fatto e come si è permesso?

Il fatto poi che gli addetti al controllo della Pubbliservizi abbiano respinto il pagamento conferma che il tentativo di rimborso era del tutto irregolare.

 

"L'offerta della possibilità di confessare" è poi quanto di più patetico ci sia capitato di leggere in un atto firmato da un incaricato di pubbliche funzioni e si commenta da sé, ma rende urgente che gli organi competenti si esprimano su quanto accaduto.

 

Confessi lei, piuttosto: "Chi erano gli altri commensali ai quali ha pagato pranzi e cene con i soldi pubblici della Pubbliservizi?"

 

A chi è stata pagata la camera presso Etna Suite il 28 settembre 2020 in contemporanea alla sua?

 

Il richiamo poi alla "dignità" da parte di chi se ne va a bere grappe barricate e quant'altro, magari con amici e parenti, a spese di una società pubblica sull'orlo del fallimento...bhe.

 

"Avvocato Perazzoli, attendiamo con ansia la sua querela e sappia sin d'ora che non accetteremo remissione".

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder