sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpresss.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpresss.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

IN EVIDENZA

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Marina Valensise: "L'INDA davanti alla seconda ondata"A Catania oltre 100 scuole di danza scendono in piazzaERSU Catania e lo strano caso del "DIRETTORE FAFÚ" che si dà i pareri da soloLaura Sicignano: "I Teatri sono i luoghi più sicuri del mondo, perché chiuderli?"SAC-AEROPORTO DI CATANIA: il manager dello "strano bando" di Torrisi è stato rinviato a giudizioBocelli e il Teatro Bellini portano Noto e la Sicilia in trionfo nel mondo. MA ADESSO LA SFIDAInaugurati bagni e docce all’Help Center della Caritas: "un’opera nel segno della comunità"Covid e Teatri (vuoti): la Regione ha stanziato i fondiAmministratori Giudiziari: richiesta di rettifica del Presidente del Tribunale. Ma noi dobbiamo rispettosamente ribadire...SUDTalk: alle 18 in diretta l'assurdo scempio del Parco Acquatico di Acireale

Truffe online, attenzione alla false offerte di lavoro su Telegram

13-10-2020 11:55

redazione

Cronaca, Focus,

Truffe online, attenzione alla false offerte di lavoro su Telegram

Finte offerte di lavoro pubblicate su canali Telegram sospetti. Questa l'illusione creata ad arte da alcuni truffatori del web.

truffa-telegram-1602582068.jpg

Finte offerte di lavoro pubblicate su canali Telegram "sospetti", e spacciate come vere e proprie opportunità per ottenere un contratto a tempo determinato. Questa l'illusione creata ad arte da alcuni truffatori del web, e già da tempo segnalata dalla polizia postale e dallo Sportello dei Diritti. Indaghiamo nel merito di quest'ennesima truffa "telematica" architettata ad arte per speculare sulle difficoltà altrui.



Essere pagati circa 800 euro al mese solo per postare sui social network un certo numero di annunci di offerte lavorative. Questa la prospettiva ventilata nella nuova truffa segnalata dalla Polizia Postale e descritta nei dettagli anche sulla pagina Facebook ufficiale.
 

E in un periodo nel quale il lavoro scarseggia per molti, questa sembra una proposta addirittura "troppo bella per essere vera"; e, in effetti, di vero non aveva nulla.

 

Difatti a coloro che aderivano alla proposta veniva inviata una falsa bozza di contratto a tempo determinato, alla quale bisognava sottostare allegando dati personali come documenti d’identità, codice fiscale e iban.

La retribuzione promessa era prevista con una formula di 800euro al mese "secchi", oppure di 200euro ogni settimana, che dovevano in teoria essere accreditati dopo la pubblicazione del "lavoratore" di un cospiquo numero di offerte simili a queste sui social network più diffusi, creando di fatto una truffa dalla struttura "piramidale".

In realtà lo scopo era estorcere ai malcapitati, oltre che le sempre utili informazioni personali, anche "le spese necessarie per l'avvio dell'istruttoria"; quindi in sostanza un contributo che la persona era tenuta a versare prima di ricevere qualsiasi tipo di retribuzione - che poi non veniva chiaramente comunque mai ricevuta!

Per evitare di incorrere in questo tipo di truffe riportiamo la lista dei consigli fornita dalla Polizia Postale:

  • diffidare delle offerte pervenute tramite l’invio di mail o profili social e non precedute da alcuna richiesta;
  • diffidare di richieste in denaro finalizzate alla copertura di ipotetiche “spese” per l’avvio dell’istruttoria;
  • rifiutare richieste di apertura di conti correnti per “facilitare” trasferimenti di denaro;
  • rifiutare la richiesta di reclutamento di altri soggetti cui rivolgere la medesima offerta di lavoro (cd schema  “piramidale”);
  • rifiutare offerte contrattuali particolarmente vantaggiose dal punto di vista economico.
  • In presenza di uno di questi elementi è sicuramente consigliabile diffidare e non fornire dati personali.”.

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Editori Indipendenti S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder