sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg
photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Vergogna San Berillo, nel 2015 ordinanza sindacale incaricava il geom. Salvatore Fiscella "responsabile del procedimento": "Cos'ha fatto?"Finalmente dal 2 febbraio una bella mostra davvero originale a Palazzo della Cultura: Tiziana La Piana "No Way"Il giorno della Memoria e delle ipocrisie"Catania un giorno nuovo" Sabato 28 gennaio ore 10 Istituto Ardizzone Gioeni sala M. Gaetano ZitoRegione, "non solo Cannes": lo strano caso del consulente dell'ex presidente Musumeci alla cui società va un affidamento diretto da 70 mila euro"Gli artigiani, energia pura sul territorio", l'assemblea CNA di Catania tra allarme e impegnoRegione, "non solo Cannes", Schifani partorisce l'incredibile "soluzione": TRE ORO VINCE TRE ORO VINCE. E la Sicilia perde sempre!Regione, "non solo Cannes": adesso i fari passano sul Jazz...tra festival e FondazioneI lavori del convegno "Cosa salverà il mondo?" dell'associazione CENACUM: perché qualcuno deve cominciare a chiederselo...ERSU Catania: insediato e già al lavoro il nuovo presidente Salvo Sorbello

Caos al consiglio comunale! Grande assente il sindaco Salvo Pogliese

16-06-2021 08:00

Antonio Licitra

Cronaca, Focus,

Caos al consiglio comunale! Grande assente il sindaco Salvo Pogliese

E anche questa è Catania, la città dove non si risolve mai niente!

consigliocomunale-1623791878.jpg

Poteva essere una giornata importante per gli sfollati di Via Castromarino, ma così non è stato.

 

Il consiglio comunale straordinario riunitosi ieri mattina a Catania è stato dichiarato concluso alle 12:37 dal presidente Giuseppe Castiglione, dopo che gli animi stavano iniziando a surriscaldarsi.

 

Da una parte avvocati e sfollati, dall’altro consiglieri ed assessori. Era però assente il sindaco Salvo Pogliese, che qualche giorno fa aveva firmato l’ordinanza con cui indicava i privati, proprietari delle abitazioni, a realizzare a spese proprie il progetto per rendere agibili gli appartamenti.

 

Diverse le persone intervenute:

“Mi aspettavo la presenza del sindaco. Ancora oggi non ci sono conferme sulla causa del crollo, anche se sotto il palazzo crollato passa in corrispondenza una talpa della FCE. Dobbiamo ringraziare i vigili del fuoco che hanno evitato il peggio. Chiediamo che l’ordinanza venga ritirata.” – dichiara il consigliere Graziano Bonaccorsi.

 

Il consigliere Gelsomino, invece, vista l’assenza del sindaco ha chiesto di convocare un altro consiglio straordinario dove sia presente il primo cittadino, perché nessuno degli assessori e dei consiglieri può prendersi questa responsabilità.

 

L’ assessore Alessandro Porto, invece, afferma che: “l’amministrazione ha fatto tutto il possibile” – e prosegue – “dico ai residenti che da parte nostra c’è la massima disponibilità nei loro confronti”.

 

Infine, prende la parola l’assessore Enrico Trantino che controcorrente afferma: “l’ordinanza del sindaco è corretta perché viene stabilito che in questa fase ben precisa, nel momento in cui si volesse restaurare l’immobile e tornare ad abitare li non c’è altra soluzione che siano i proprietari ad accollarsi i costi. Affermare il contrario, sarebbe un abuso d’ufficio perché si violerebbe una legge. Fino a quando non ci sarà un accertamento giudiziale in maniera di responsabilità (indicando da chi sia dipeso questo crollo), non esiste la fonte dell’obbligazione dove le istituzioni possono intervenire accollandosi i costi di ristrutturazione.

 

A quel punto scatta la protesta dei residenti, che ancora una volta increduli, dichiarandosi offesi ed umiliati dalle parole di Enrico Trantino, abbandonano insieme ai legali l’aula consiliare.

 

E anche questa è Catania, la città dove non si risolve mai niente!

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder