sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

ac25486c-3ac9-48cb-97b5-42dc31c81954.jpeg

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Claudio Fava definisce Musumeci "il gerarchetto di Militello val di Catania"ALLE 12.45 DIRETTA COMMISSIONE SANITÁ DEL COMUNE SUI MEDICI DI FAMIGLIASanità, covid & c.: parla la presidente della commissione sanità del comune di Catania Sara Pettinato, un chirurgo prestato alla politicaLaura Sicignano saluta Catania e fa il bilancio dei suoi 4 anni alla direzione del Teatro StabileEmergenza Covid, Megna: "Professionisti e volontari pronti. Il Governo Regionale ci consenta di aiutare"La settimana del caos totaleDenuncia del CODACONS per le gravi affermazioni fatte da Musumeci su FacebookIn diretta i lavori della commissione sanità del comune di CataniaIL RUGGITO DEL CONIGLIOPietra tombale sul governo Musumeci

Gino Strada: il mondo ha perso un gigante

13-08-2021 17:14

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, secondo speciale,

Gino Strada: il mondo ha perso un gigante

È una perdita enorme, è stato un dono enorme.

gino-1628864117.png

Certo, era italiano, nato in Italia, e questo magari proprio oggi che non c'è più ce ne fa sentire orgogliosi, mentre da ogni parte del globo arrivano attestati di stima e condoglianze.

Ma se c'era una personalità che più di ogni altre rappresentava l'Umanità al di là di ogni confine, paese, razza, religione era di certo Gino Strada, che ha destinato la sua vita agli angoli più violenti e terribili del pianeta.

 

Non era amato dal potere, ne scuoteva la mala coscienza.

Era intransingente, spigoloso, duro come non può che essere chi vede migliaia di bambini fatti a pezzi da mine antiuomo, corpi straziati da pallottole e bombe di ogni tipo.

 

È morto improvvisamente, inaspettatamente, mentre aveva appena scritto l'ennesimo articolo sull'ennesimo incubo annunciato: i talebani alla conquista dell'Afghanistan.

 

È stato ovunque ci fosse sofferenza, insieme alle donne e uomini di quella straordinaria organizzazione da lui fondata che è Emergency.

 

Un presidio di Umanità dove l'umanità si perde, pronti a curare ogni ferita ed ogni ferito, a qualunque parte si appartenga: perchè la sofferenza non ha parte, e spesso neanche la ragione.

 

È una perdita enorme, è stato un dono enorme.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder