sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

IN EVIDENZA

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

ASP CT e i "carrelli defibrillatori": a Catania costano 6.500 euro l'uno (e ne prendono 6), a Siracusa invece 2.500. DALLA STESSA DITTARegione Siciliana, l'app Siciliasicura scomparsa e le interrogazioni dimenticateRuggero Sardo alle 18.00 a "Il salotto del Mago"Carabinieri fanno luce sulla spedizione punitiva dei "Cursoti" a Librino con 2 morti: 14 arrestiASP CT: per la discussa "Operazione vaccini in parrocchia" acquistati zaini pronto soccorso (vuoti!) da 129 euro... che su Amazon...ASP CT: per fare il vaccino occorrono "urgentemente" 10 "poltrone terapia" da 427 euro cadauna?Parco Acquatico Acireale: sempre più scandalosoIl catanese Giuseppe Berretta nominato esperto al ministero del LavoroMaxi sequestro di mascherine: caccia anche nelle aziende sanitarie della SiciliaAss. Cristaldi: Spiagge libere sicure e migliorate, sui solarium invece..

CODACONS denuncia le contraddizioni della "Zona rosa siciliana" decisa da Musumeci

17-01-2021 07:23

redazione

Cronaca, Focus, comunicati, comunicato, codacons,

CODACONS denuncia le contraddizioni della "Zona rosa siciliana" decisa da Musumeci

Le scuole: o si chiudono o si aprono. TUTTE

codaconsscuole-1610868315.png

CODACONS: SICILIA IN ZONA “ROSA” (NON ROSSA) – NEGATO IL DIRITTO ALLA SALUTE DI DOCENTI, ALUNNI SINO ALLA PRIMA MEDIA E A PERSONALE ATA

 

Il Codacons interviene sulla decisione del Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci di mantenere la didattica in presenza per nidi, asili, elementari e prima media.

 

"Difatti, da quanto si apprende dagli organi di stampa, - sostiene il Codacons -, l’ordinanza di Musumeci recepirebbe il DPCM di Conte, salvo che per qualche aspetto.

 

In particolare, la Sicilia, grazie all’ordinanza del governatore siciliano, a partire da domenica entrerebbe in una zona “rossa rafforzata”, ma - secondo il Codacons -, si tratterebbe, invece, di un rosso pallido, più vicino al “rosa”.

 

Vediamo perché.

 

Nel provvedimento di Musumeci sono state inserite delle misure più restrittive di quelle previste dal DPCM nazionale, poichè non sarà consentito fare visita ad amici e parenti e sul fronte scolastico torneranno in classe solo i ragazzi delle elementari e sino alla prima media, mentre per tutte le altre scuole verrà mantenuta la didattica a distanza.

 

E’ vero – dice il Codacons - che in questo modo si rafforza in Sicilia quanto stabilito dal DPCM, secondo cui la scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione si svolge in presenza, e quella secondaria di secondo grado inizia almeno al 50% in presenza, ma perché questa apertura parziale?

 

Che differenza c’è tra i docenti della prima media e quelli della seconda media? E il personale ATA?

 

Per quale motivo in Sicilia si tutela la salute di quanti lavorano nelle scuole secondarie di secondo grado e non si tutela quella degli operatori degli asili nido?

 

Ci sono studenti e lavoratori di serie A e altri di serie B?

 

Critichiamo questa decisione del Presidente della Regione – continua il Codacons – in quanto se davvero si vuole realizzare un RAFFORZAMENTO delle misure nazionali vanno chiuse tutte le scuole, senza distinzione alcuna tra loro.

 

Ricordiamo, infatti, al Presidente Musumeci che in Sicilia ci sono 101.786 alunni dell’infanzia, 214.341 alunni della primaria e 145.994 studenti della primaria di primo grado, quindi, senza contare il personale docente e non, le cifre sono altissime.

 

Non possiamo – conclude il Codacons - difendere il diritto alla salute di taluni e sacrificare quello di altri – se dovessero esserci focolai all’interno degli istituti scolastici il Presidente Musumeci sarà ritenuto responsabile.

 

Ripensi, dunque, all’ordinanza, estendendo la didattica a distanza a tutte le scuole siciliane."

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder